Me

Angelo Izzo, rivelazione shock del mostro del Circeo: “Nel ’75 uccidemmo anche una 17enne friulana”

Il mostro del Circeo ha rivelato ai magistrati di aver ucciso Rossella Corazzin, una ragazza scomparsa in Friuli nel '75 e la cui sparizione è rimasta per decenni avvolta nel mistero

Immagine di copertina
Angelo Izzo

Angelo Izzo, uno dei “mostri del Circeo” assiema ad Andrea Ghira e Gianni Guido, ha riferito per la prima volta ai magistrati di aver commesso un altro brutale omicidio nel 1975, un mese prima del massacro del Circeo.

Izzo, secondo quanto da lui stesso riferito, avrebbe ucciso Rossella Corazzin, una 17enne pordenonese di San Vito al Tagliamento. Della ragazza di persero le tracce il 21 agosto 1975, mentre si trovava in vacanza nei boschi di Tai di Cadore.

La sua scomparsa per decenni è rimasta avvolta nel mistero. Il padre morì alcuni anni dopo, la madre nel 2008: nessuno dei due visse abbastanza per scoprire la causa della sparizione della figlia.

Secondo quanto affermato da Izzo, la ragazza fu seguita dalla sua banda, per poi essere rapita, stuprata da 10 uomini e uccisa. La scelta del branco sarebbe ricaduta su Rossella Corazzin in quanto vergine.

Il fascicolo con le dichiarazioni di Izzo è stato trasferito dalla procura di Belluno a quella di Perugia, per una questione di competenza territoriale.

Tuttavia, la stessa procura di Perugia ha riferito di aver archiviato l’inchiesta sulla scomparsa e l’uccisione di Rossella Corazzin perché le dichiarazioni di Izzo non hanno trovato riscontri oggettivi.

Izzo sta attualmente scontando due ergastoli nel carcere di Velletri

Il massacro del Circeo

Era il 29 settembre del 1975 quando Rosaria Lopez e Donatella Colasanti si erano recate di fronte al cinema Ambassade, nel quartiere romano della Montagnola, per vedersi con alcuni ragazzi con cui si erano date appuntamento nei giorni precedenti.

Loro, Rosaria e Donatella, erano due ragazze del quartiere, all’epoca popolare, della zona sud di Roma: una barista di 19 anni la prima, una studentessa di 17 la seconda. I ragazzi con cui dovevano vedersi erano Angelo Izzo e Gianni Guido, due giovani provenienti da tutt’altro contesto: poco più grandi di loro, membri di famiglie facoltose e, per Izzo, ci sono anche alcuni precedenti penali per aver violentato due ragazze e aver preso parte a una rapina.

A quella rapina prese parte anche Andrea Ghira, figlio di uno stimato imprenditore edile e vincitore di una medaglia d’oro con la squadra di pallanuoto italiana alle Olimpiadi di Londra del 1948. Lo stesso Andrea Ghira avrebbe poi raggiunto Guido e Izzo per unirsi a quello che tutti oggi ricordano come massacro del Circeo.

I ragazzi, a dispetto dei precedenti penali di due di loro, conoscevano le buone maniere e con esse mascherarono i loro intenti, riuscendo a ottenere un appuntamento per rivedere le ragazze, con la promessa di raggiungere un amico a una festa a Lavinio. Ma a Lavinio non andarono mai.

Rosaria e Donatella furono infatti portate al Circeo, in una villa di proprietà della famiglia di Ghira, il quale raggiunse Izzo e Guido in un momento successivo. Lì le due ragazze capirono che quei bravi ragazzi le avevano in realtà teso una trappola. Dopo una richiesta di prestazioni sessuali – respinta dalle due -, i giovani iniziarono quello che, ancora oggi, è ricordato come il massacro del Circeo.

Per circa 36 ore Rosaria e Donatella subirono ogni tipo di violenze: bastonate, segregate in bagno, strozzate con lacci al collo. Rosaria muore, ma Donatella no. “Questa non vuole proprio morire” dice uno dei giovani. La 17enne, stremata, decise allora di fingersi morta per cercare di sopravvivere.

Una violenza brutale che le cronache definiscono spesso come misogina e razzista verso due ragazze di una condizione sociale inferiore da parte di tre ragazzi di quella che è definita “Roma bene”.

I corpi delle due ragazze, ritenute erroneamente morte, vennero messi nel portabagagli dell’auto di Gianni Guido con cui i ragazzi fecero ritorno a Roma. La parcheggiarono in viale Pola, nel quartiere Trieste, e la lasciarono lì, pensando probabilmente di sbarazzarsi dei corpi in un secondo momento.

Donatella Colasanti, nel frattempo, si rese conto che a bordo dell’auto non c’era nessuno e che l’avevano ritenuta morta: iniziò dunque a gridare, attirando l’attenzione di un metronotte che passava di lì il quale avvisò la polizia. Nelle ore successive Izzo e Guido finirono in manette, ma non Ghira che riuscì a fuggire grazie a una soffiata.

Le vicende dei tre, tutti condannati inizialmente all’ergastolo (Ghira in contumacia), da quel momento furono diverse.

Gianni Guido nel 1980 vide la sua pena ridotta a 30 anni per aver firmato una lettera di pentimento e aver risarcito la famiglia di Rosaria Lopez. Nel 1981 riuscì a evadere dal carcere di San Gimignano, raggiungendo prima Buenos Aires e poi Panama, dove fu nuovamente arrestato nel 1994 ed estradato in Italia. Nel 2009 ha finito di scontare la propria pena ed è tornato in libertà.

Angelo Izzo nel 2004 ottenne la semilibertà, ma durante questo periodo uccise la 49enne Maria Carmela Linciano e la 14enne Elisabetta Maiorano, moglie e figlia di un pentito della Sacra Corona Unita che aveva conosciuto in carcere, occultandone i cadaveri, poi ritrovati sepolti nel giardino di una villetta. Per questa ragione, venne nuovamente condannato all’ergastolo.

Andrea Ghira, riuscito a sfuggire all’arresto, raggiunse la Spagna dove, con la falsa identità di Massimo Testa de Andres, si arruolò al Tercio, la legione straniera locale, per esserne espulso nel 1994 per abuso di stupefacenti. Morì nello stesso anno per overdose e venne sepolto in una tomba con il nome falso. L’uomo era stato inserito nella lista dei 30 latitanti italiani di massima pericolosità, ma quando nel 2005 fu riconosciuto il suo corpo grazie all’esame del DNA, ne venne rimosso in quanto morto.

Donatella Colasanti, la vittima sopravvissuta del massacro del Circeo, si è sempre battuta perché fosse fatta giustizia nella vicenda. È morta nel 2005, a 47 anni, per un cancro al seno.

L’omicidio di Ferrazzano

Angelo Izzo, nel 2005, commise altri due omicidi. Ottenuto il permesso della libertà vigilata e la possibilità di lasciare il carcere per alcune ore della giornata, Izzo uccise Maria Carmela Limucciano e Valentina Maiorano, moglie e figlia di Giovanni Maiorano, un esponente della Sacra Corona Unita che stava scontando la sua pena nello stesso carcere di Izzo.

I cadaveri furono seppelliti in una villetta a Ferrazzano, in provincia di Campobasso.

Campagna regione lazio