Me
Le prime pagine dei giornali stranieri sul nuovo premier Giuseppe Conte
Condividi su:
Giuseppe Conte premier

Le prime pagine dei giornali stranieri sul nuovo premier Giuseppe Conte

I titoli dei principali quotidiani stranieri sulla nomina di Giuseppe Conte come primo ministro incaricato di formare il governo

24 Mag. 2018
Giuseppe Conte premier

“Sconosciuto”, “debuttante”, “novizio” per un governo “tra orrore e tragicommedia” e “populista”: questi sono i termini, spesso impietosi, utilizzati dai principali quotidiani stranieri per annunciare il mandato affidato a Giuseppe Conte di formare il governo.

Mercoledì 23 maggio, Giuseppe Conte ha ricevuto dal presidente della Repubblica Mattarella l’incarico di formare un nuovo governo. Il professore e avvocato 54enne è stato ricevuto alle 17.30 al Quirinale. Dopo un colloquio con il capo dello Stato, durato circa due ore, è arrivata l’ufficialità. Ecco come la notizia è stata accolta all’estero:

Il presidente (Mattarella) nomina il debuttante Giuseppe Conte come primo ministro populista. Questo il pesante giudizio della Bbc

  

Il New York Times titola sui dubbi rimasti aperti circa il periodo di formazione di Giuseppe Conte alla New York University.

“Il presidente italiano in trattative coi partiti populisti per portare un novizio alla presidenza del consiglio”, titola il britannico The Guardian.

Il Financial Times, come la BBC, dà del novellino a Giuseppe Conte.

Il “novellino” Giuseppe Conte proposto come primo ministro italiano, titola infatti.

Il Sueddeutsche Zeitung definisce la situazione italiana “In qualche modo, tra orrore e tragicommedia”.

Il quotidiano economico Les Echos francese parla di un “Cocktail esplosivo all’italiana”.

Pure El Paìs scrive che il professor Conte “è privo di esperienza politica”. Lega e Cinque Stelle propongono Giuseppe conte, un professore senza esperienza politica, come primo ministro dell’Italia.

Al Jazeera invece descrive “l’Italia vicina a un governo populista con un mandato da primo ministro Conte”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus