Me

Boris Johnson vuole un aereo personale e più colorato di quello di Stato

Il Segretario di Stato britannico ha dichiarato che l'aereo di Stato non è mai disponibile e che non capisce perché debba essere grigio

Immagine di copertina
Boris Johnson

Il segretario di Stato britannico per gli Affari esteri e del Commonwealth, Boris Johnson, ha dichiarato che le relazioni economiche del Regno Unito nell’era post Brexit sarebbero migliori se avesse un suo aereo personale.

Durante la sua visita in America Latina, il segretario ha affermato che il Voyager, l’aereo di Stato utilizzato generalmente dal primo ministro, non è quasi mai disponibile e non è abbastanza colorato.

“I contribuenti non vogliono che abbiamo nuovi e lussuosi aerei, ma sono convinto che è assurdo che non abbiamo accesso a una cosa simile in questo momento”, ha detto Johnson.

“Credo che il Voyager sia grandioso, ma è davvero difficile da utilizzare. Non è mai disponibile. Non so chi lo usa, ma trovarlo libero è davvero difficile. Inoltre, perché deve essere grigio?”.

La nuova affermazione di Johnson fa seguito ad altre dichiarazioni simili. Di recente, infatti, il Segretario aveva sostenuto l’acquisto di un nuovo yacht reale e la stampa di una serie di francobolli commemorativi, per “mostrare al mondo che abbiamo una Brexit da leccare”.

“Guarda, sono in diretta, penso davvero che dobbiamo avere qualcosa di cui poterci vantare”, ha detto ai giornalisti.

“Ma se c’è un modo per farlo [per avere un aereo, ndr] che non sia troppo costoso, allora sì, credo che dobbiamo davvero fare qualcosa”.

Johnson attualmente sta usando i voli commerciali per i suoi viaggi, fatta eccezione per quello che lo h condotto da Lima, in Perù, alla foresta amazzonica. In questo caso il Segretario ha viaggiato sull’aereo del presidente peruviano, equipaggiato con pannelli di noce e tovaglioli decorati.

Martedì, il ministro degli Esteri dell’Argentina, Jorge Faurie, ha detto a Johnson che i due paesi dovrebbero cercare di approfondire i rapporti commerciali, nonostante la rivalità ancora in corso per la sovranità sulle isole Falkland.

Parlando alla conferenza  stampa del ministero degli Esteri, Faurie ha dichiarato che la contesa sulle isole non sfocerà mai più in una guerra, come successo nel 1982.

“Il Regno Unito è stato coinvolto in molti conflitti armati nel corso della storia e siete ben consapevoli del fatto che entrare in guerra non è lo scenario migliore. Per cui il desiderio di ogni governo e dei cittadini è quello di non essere coinvolti in un conflitto”.

“Siamo tutti consapevoli delle rispettive posizioni sulla sovranità che crediamo di avere sulle Malvinas. Questo è uno degli aspetti che caratterizzano le nostre relazioni bilaterali, ma non solo”.

“Inoltre, ci sono altre aree e questioni che vogliamo affrontare per ricostruire la fiducia reciproca. Credo ci sia una base generalmente positiva su cui lavorare per risolvere i problemi legati alla sovranità sulle isole”.

Nel suo viaggio in America Latina, Johnson ha sottolineato di voler implementare le relazioni commerciali con i paesi latinoamericani.

“Ci sono grandi opportunità per il Regno Unito qui. Non abbiamo ancora fatto abbastanza. C’è già una base da cui partire, ma nei prossimi anni costruiremo molto”, ha dichiarato il Segretario di Stato.

E un nuovo aereo personale potrebbe essere d’aiuto.

Il RAF Voyager A330 è stato riadattato dal governo di David Cameron al costo di 10 milioni di sterline per essere usato dai ministri e dalla famiglia reale, ma l’ex primo ministro lo ha usato solo una volta prima di dare le dimissioni dopo il referendum del 2016.

I media, infatti, hanno iniziato a chiamare l’aereo “Theresa-jet”.