Me

Napoli, un’insegnante è stata aggredita con calci e pugni dalla madre di uno dei suoi alunni

La violenza si è svolta a Fuorigrotta, nella periferia di Napoli. La donna che ha compiuto l'aggressione è stata denunciata a piede libero per lesioni personali

Immagine di copertina
L'insegnante è stata ricoverata per trauma cranico

Una donna di 30 anni ha aggredito con schiaffi e pugni una maestra della scuola elementare dell’Istituto Leopardi a Fuorigrotta, nella periferia di Napoli.

La madre di uno degli alunni è entrata in aula e ha cominciato a inveire contro l’insegnante, accusandola di aver strattonato suo figlio e di avergli procurato un livido su un braccio.

Ma l’aggressione non è stata solo verbale: la donna infatti ha colpito la maestra con schiaffi e pugni al volto e alla testa, ferendola gravemente.

Ad assistere alla scena sono stati gli alunni presenti in classe in quel momento.

L’insegnante è stata soccorsa dagli operatori del 118 ed è stata ricoverata all’ospedale San Paolo di Napoli per trauma cranico.

La donna che ha compito l’aggressione è stata denunciata a piede libero per lesioni personali.

Di recente aveva fatto discutere un altro episodio di violenza ai danni di un professore.

Uno studente di Carrara era stato filmato dai compagni mentre insultava il professore, “colpevole” di non avergli messo sei nella verifica.

Dal video si capisce che la discussione era nata dopo un voto negativo dato dal professore al ragazzo.

I toni dello studente sono tutt’altro che rispettosi “Prof, non mi faccia incazzare! Non mi faccia incazzare! Mi metta sei!” e aggiunge “Lei non ha capito nulla!”,