Me

La federcalcio argentina ha diffuso un manuale su come sedurre le ragazze russe al Mondiale

Testo rivolto a calciatori, dirigenti, tecnici e giornalisti

Immagine di copertina
La nazionale argentina è una delle favorite per la vittoria del Mondiale. Credit: Afp

Un manuale per tutto. Ma proprio tutto. L’Associazione calcistica argentina (AFA), in pratica l’equivalente della nostra FIGC, ha distribuito un singolare testo in occasione di un corso per i manager, calciatori, tecnici e giornalisti che si recheranno alla Coppa del mondo che si terrà in Russia dal 14 giugno al 15 luglio 2018.

Un piccolo libretto molto utile, ma che contiene anche un sorprendente capitolo con vari consigli su come sedurre le donne russe.

Una gaffe a cui si è voluto porre rimedio qualche ora dopo quando è stata stampata una nuova edizione del manuale, senza ovviamente il capitolo incriminato.

Troppo tardi, però: il testo, una volta finito nelle mani dei giornalisti argentini, è stato reso pubblico.

Ma cosa c’è scritto in questo manuale?

Ecco un estratto: “Cosa fare per avere una possibilità con una ragazza russa? Le ragazze russe come qualsiasi altra ragazza prestano molta attenzione nel vedere se sei pulito, hai un buon odore e se sei ben vestito”.

“La prima impressione è molto importante per loro, prestate quindi molta attenzione alla vostra immagine”, si legge nel documento.

E ancora: “Molti uomini, dato che le donne russe sono belle, vogliono solo portarle a letto. Forse anche loro lo vogliono, ma sono persone che vogliono sentirsi importanti e uniche”.

“Il consiglio è di trattare la donna di fronte a voi come una persona di valore”.

Il manuale dell’AFA invita poi a non essere timidi: “Alle donne russe piace quando gli uomini prendono l’iniziativa, se non avete fiducia in voi stessi allora dovete fare pratica parlando più spesso con tante donne”.

“Non preoccupatevi, ci sono molte belle donne in Russia e non tutte vanno bene per voi. Siate sempre selettivi”, raccomanda la Federcalcio argentina.

Insomma, una gaffe in piena regola che sta imbarazzando l’AFA. Forse sarebbe stato meglio limitarsi alle questioni calcistiche.