Me
In Georgia migliaia di giovani protestano contro i blitz anti-droga della polizia
Condividi su:
Georgia proteste
Migliaia di giovani si sono radunati per protesta davanti al parlamento di Tbilisi. Credit: Afp

In Georgia migliaia di giovani protestano contro i blitz anti-droga della polizia

Nella notte tra sabato e domenica è andata in scena una manifestazione davanti al parlamento di Tbilisi per chiedere le dimissioni del premier Kvirikashvili e del ministro degli Interni

15 Mag. 2018
Georgia proteste
Migliaia di giovani si sono radunati per protesta davanti al parlamento di Tbilisi. Credit: Afp

In Georgia migliaia di giovani hanno partecipato a una manifestazione in piena notte contro il governo.

I giovani si sono dati appuntamento davanti al parlamento di Tbilisi alle 3 del mattino di domenica 13 maggio 2018.

La mobilitazione è stata organizzata per protestare contro i blitz anti-droga delle forze dell’ordine nei locali notturni e per chiedere la legalizzazione delle droghe ricreative.

I manifestanti chiedono le dimissioni del primo ministro georgiano, Giorgi Kvirikashvili, e del ministro degli Interni, Giorgi Mghebrishvili.

Il movimento di protesta è partito dopo che nella notte tra venerdì e sabato le forze speciali hanno fatto irruzione in alcuni dei più grandi nightclub di Tbilisi, tra cui il Bassiani e il Cafe Gallery, locali conosciuti in tutta Europa.

La polizia stava cercando spacciatori di droga, dopo che nelle precedenti due settimane cinque giovani erano morti a causa del consumo di stupefacenti.

L’operazione ha portato all’arresto di otto persone accusate di aver venduto droghe.

Tra le persone finite in manette ci sono anche alcuni gestori della discoteca Bassiani, che è stata posta sotto sequestro.

Ma hanno suscitato polemiche le modalità adottate dalle forze dell’ordine.

Alcune persone sono state portate fuori dal club con la forza. Ad altre sono stati strappati i vestiti

Alcuni testimoni hanno raccontato che la polizia ha agito con eccessiva forza.

La reazione dei giovani georgiani è stata immediata.

Fin da sabato mattina centinaia di manifestanti si sono radunati fuori dal parlamento a Tbilisi in segno di protesta.

Sessanta persone sono state arrestate in seguito alle proteste, anche se sono state presto rilasciate.

Le proteste nella capitale georgiana sono proseguite e con il passare delle ore il numero dei manifestanti è cresciuto.

L’iniziativa è stata accompagnata dalla musica di diversi dj.

Intorno alle 23 di sabato qualcuno ha iniziato ad allestire delle tende per la notte.

I manifestanti chiedono anche una revisione delle leggi georgiane sulle droghe.

Le norme sugli stupefacenti negli ex paesi sovietici tendono a essere molto più aspre rispetto all’Europa occidentale.

Il gruppo attivista dietro le proteste, White Noise, si è formato nel 2013 in difesa di un uomo che condannato a otto anni di detenzione per possesso di circa 55 grammi di marijuana.

La causa a favore della liberalizzazione delle leggi sulle droghe fatica ad attrarre consensi al di fuori dei giovani.

“Siamo un paese cristiano conservatore e la maggior parte delle persone sostiene politiche ancora più severe”, ha affermato Shota Utiashvili, senior fellow della Georgian Foundation for Strategic and International Studies.

Le proteste andate in scena hanno avuto al centro tematiche inedite per dimostrazioni di questa portata, che solitamente riguardano casi di corruzione o governanti autoritari.

“Questa è la generazione giovane “, ha sottolineato Utiashvili. “Per loro il venerdì sera è una cosa sacra”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus