Me

Regno Unito, bimbo di 3 mesi viene picchiato e affogato nell’acqua gelida: condannati il padre e la madre

Nel 2016 Ah'Kiell Walker, 3 mesi, è stato ritrovato dai paramedici gelido e fradicio. Nei suoi polmoni è stata ritrovata molta acqua. Il padre lo avrebbe picchiato ripetutamente e poi affogato

Immagine di copertina
Credits: Bbc, GLOUCESTERSHIRE POLICE

Regno Unito: bimbo di 3 mesi viene picchiato e affogato: condannati il padre e la madre

In Gran Bretagna, nel Gloucester, un bimbo di 3 mesi è stato picchiato e affogato nel luglio 2016.

Il 10 maggio 2018 il padre del bambino è stato condannato per omicidio colposo e maltrattamenti.

Inoltre è stato condannato per crudeltà nei confronti di una persona di età inferiore ai 16 anni.

L’uomo si chiama Alistair Walker, 27 anni.

La madre si chiama Hannah Henry, 21 anni, ed è stata condannata esclusivamente per maltrattamenti.

A riportarlo la Bbc.

Ah’Kiell Walker all’epoca dei fatti aveva solo 3 mesi quando i suoi genitori chiamarono i paramedici sostenendo di aver trovato il bambino incosciente.

Giunti sul posto, i paramedici hanno trovato il bambino completamente fradicio e con segni di percosse su tutto il corpo.

Nei suoi polmoni sono state ritrovate grosse quantità di acqua. Nonostante i soccorsi, il bambino è spirato a causa delle ferite riportate poco dopo in ospedale.

A essergli fatale è stato un trauma celebrale.

L’autopsia ha accertato che il bambino aveva la spalla fratturata e 4 costole rotte. L’analisi di un patologo ha rivelato che le fratture del bambino risalivano da quattro a otto settimane prima del decesso.

Durante il processo a suo carico Walker ha dichiarato che a causare il trauma celebrale al figlio fosse stato un paramedico e, secondo quanto riportato dalla Bbc, ha detto che “sembrava che il paramedico non sapesse cosa fare per salvare mio figlio”.

Gli investigatori hanno ritrovato sul computer dell’uomo, diverse ricerche su internet estremamente sospette come “sindorme del bambino scosso”, “posso strizzare mio figlio”, “emorragia interna dovuta a trauma” e “costole fratturate”.

Tutte queste ricerche su internet sono state fatte dal padre del piccolo nelle settimane precedenti alla morte Ah’Kiell Walker.

Bbc riporta che il padre avrebbe anche cercato su internet se “i bambini provano dolore”.

Richard Pegler, ispettore  della polizia del Gloucestershire ha dichiarato: “È stato un caso complesso e difficile perché non sappiamo esattamente cosa sia successo quella mattina. Solo due persone sono coinvolte”, aggiungendo: “Quello che sappiamo è che la morte di Ah’Kiell non è stata naturale o spiegata prontamente dai genitori e che le sue ferite sono state davvero non accidentali”.

A causa della natura disturbante del processo, il giudice Sir John Royce ha decretato che la giuria composta da otto donne e quattro uomini, sarà esentata da altri servizi di giurato per i prossimi 15 anni.