Me

Corea del Nord, funzionari Onu hanno avuto “accesso senza precedenti” durante visita

"C'è la sensazione che si stia voltando pagina nella storia", ha detto il capo del WFP dopo un viaggio a Pyongyang

Immagine di copertina

Il capo del World Food Programme (WFP) delle Nazioni Unite, David Beasley, ha trascorso alcuni giorni Corea del Nord, e ha riferito alla Bbc di aver avuto un “accesso senza precedenti” nel paese.

Beasley ha parlato di un “senso di ottimismo” tra i leader nordcoreani dopo i progressi nei rapporti con la Corea del Sud, sanciti dall’incontro tra Kim Jong-un e Moon Jae-in (durante il quale le scarpe del leader nordcoreano hanno attirato l’attenzione degli analisti).

Il funzionario Onu ha visitato la Corea del Nord tra l’8 e l’11 maggio. Ha trascorso due giorni a Pyongyang, capitale nordcoreana, e due al di fuori di essa, sempre accompagnato dalle guardie del corpo governative.

Ha detto che il paese sta lavorando duramente per soddisfare gli standard nutrizionali, e che nel paese il livello di fame non era così alto sin dagli anni Novanta.

“C’è la sensazione che si stia voltando pagina nella storia”, ha detto Beasley.

L’anno scorso il governo nordcoreano ha effettuato una serie di test nucleari e missilistici, ma da allora le relazioni con gli altri paesi sono notevolmente migliorate.

Il mese prossimo, leader nordcoreano Kim Jong-un incontrerà il presidente degli Stati Uniti Donald Trump: sarà la prima volta che un presidente degli Stati Uniti seduto ha mai incontrato un leader nordcoreano.

Trump ha annunciato i dettagli dell’incontro, che si terrà a Singapore il 12 giugno, e all’inizio di questa settimana gli Stati Uniti hanno riaccolto tre ostaggi statunitensi rilasciati dalla Corea del Nord.

“Una delle cose più potenti che ho visto sono le campagne – è primavera, stanno piantando – non ci sono mezzi meccanici, hanno buoi che tirano aratri, uomini e donne nei campi”, ha detto il capo del WFP. “È molto strutturato, molto organizzato”, ha aggiunto.

“Non ho visto la fame come quella che si è avuta durante la carestia negli anni Novanta, questa è la buona notizia, ma c’è un problema di nutrizione, che è indubbiamente insufficiente”, ha spiegato Beasley.

Tra il 1994 e il 1998, si ritiene che centinaia di migliaia di persone siano morte nella Corea del Nord a causa di una dura carestia.

Dopo la siccità dello scorso anno, l’Onu ha detto che sette nordcoreani su dieci richiedono aiuti alimentari, mentre quattro su dieci sono malnutriti.