Me

Il 9 maggio si celebra la festa dell’Europa

La data è stata scelta in ricordo della dichiarazione Schuman del 9 maggio 1950, considerata la pietra miliare del processo di integrazione europea. Ecco tutti gli eventi in programma

Immagine di copertina
Il 9 maggio si celebra la Festa dell'Europa. Credit: Sebastien Bozon

Il 9 maggio di ogni anno si celebra la Festa dell’Europa, una giornata dedicata alla pace e all’unità tra i paesi membri. La data è stata scelta per ricordare il 9 maggio 1950, giorno della dichiarazione Schuman, la presentazione da parte di Robert Schuman del piano di cooperazione economica tra alcuni paesi europei.

La data è simbolica anche perché segna la fine della seconda guerra mondiale, con la capitolazione dei nazisti.

La Dichiarazione Schuman è il celebre discorso tenuto a Parigi da Robert Schuman, che era il Ministro degli esteri francese, in cui furono gettate le basi per un’unione economica tra i vari paesi europei, in particolare per la produzione di carbone e acciaio

Quella dichiarazione, pronunciata nella Sala dell’orologio del Ministero degli Affari esteri al Quai d’Orsay di Parigi, viene considerata la pietra miliare del processo di integrazione europea.

Gli eventi in programma 

Per celebrare la festa dell’Europa, le istituzioni dell’Ue aprono al pubblico le porte delle loro sedi il 5 maggio a Bruxelles, il 5 e 9 maggio a Lussemburgo e il 10 giugno a Strasburgo.

Qui tutti gli eventi in Italia:

• Venezia, dal 5 al 31 maggio 2018: Festa dell’Europa 2018 a Venezia

• Milano, 7 maggio 2018: Giornata dell’Europa 2018 – Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci

• Roma, 9 maggio 2018: I giovani e l’Europa: il futuro da costruire insieme – Aula di Giulio Cesare in Campidoglio

Minidialogo sull’Europa – Spazio Europa, Via Quattro Novembre 149 – Roma

Concerto per l’Europa – 8 maggio presso il Teatro Brancaccio di Roma

• Torino, 9 Maggio 2018: L’attualità della dichiarazione Schuman: per un’Europa democratica, federale e solidale: Consiglio regionale del Piemonte

• Bologna, 9 maggio 2018: Consiglio comunale straordinario

• Milano, 9 Maggio 2018: Evento chiusura progetto EuropaLab

• Roma, LUISS Hub, Via Massimo D’Azeglio 3 – Per la partecipazione è necessaria la registrazione al seguente form

• Milano, 10 maggio 2018 – Buon Compleanno Europa! – Auditorium Giorgio Gaber

Lo spot della Festa dell’Europa 2018 

Altre iniziative per sviluppare l’identità europea

Nel 2018 quasi 30mila giovani europei potranno viaggiare gratis in Europa con Interrail pass giovani. Il biglietto? Lo paga Bruxelles. La Commissione Ue ha approvato infatti un piano finanziario per quest’anno dal valore di 12 milioni di euro al fine di promuovere e sviluppare l’identità europea attraverso il viaggio.

L’idea di creare un pass Interrail che permette ai nati dopo il 2000 di viaggiare gratuitamente era già stata proposta dal Partito popolare europeo un anno fa.

L’obiettivo dell’iniziativa è quello di “sviluppare l’identità europea, rafforzare i valori europei comuni e promuovere la scoperta di siti e culture nel continente”.

Il ramo esecutivo dell’Unione europea ha approvato il piano giovedì 1 marzo 2018 per incentivare la cittadinanza attiva, la mobilità dell’istruzione e l’inclusione sociale dei giovani europei.

Il Commissario europeo per l’Istruzione, la cultura, i giovani e lo sport, Tibor Navracsics, ha evidenziato l’importanza di “offrire a tutti i nostri giovani l’opportunità di ampliare i propri orizzonti scoprendo altri paesi. L’istruzione non riguarda solo quello che impariamo a scuola, ma anche ciò che scopriamo sulle culture e le tradizioni dei nostri concittadini europei”.

La modalità di viaggio in treno con Interrail è nata nel 1972 e la ragione del suo successo è facilmente intuibile dal basso costo del biglietto che permette ai giovani di viaggiare senza spendere una fortuna. Ma se è vero che da quest’anno il biglietto del treno ai neo diciottenni lo offre Bruxelles, lo stesso non vale per le spese di pernottamento.

Tra i costi aggiuntivi che potrebbero dover affrontare i giovani che partecipano all’iniziativa c’è quello dell’alloggio: si può optare per il campeggio o per il classico hotel, ma la scelta più amata resta sempre quella dell’ostello.

Il vantaggio dell’ostello, oltre al prezzo accessibile, è sicuramente quello della possibilità di conoscere persone da ogni parte del mondo, senza rinunciare ad alloggiare in un luogo esteticamente bello, comodo e stimolante. Qui una selezione di alcuni degli ostelli più belli del mondo dove dormire almeno una volta nella vita.

In questa era caratterizzata dai social media, dal crowdfunding e dagli hashtags, la voglia dei giovani di vivere esperienze di viaggio con pochi soldi in tasca ha visto anche la nascita del fenomeno dei cosiddetti #begpackers: ragazzi che viaggiano con zaino in spalla, i noti backpackers, con un budget misero, che mendicano e chiedono l’elemosina, contributi e carità nei locali o ai compagni di viaggio che incontrano lungo la strada.

Il numero di giovani che decidono di viaggiare senza un soldo sta diventando un vero e proprio status symbol e ci si domanda perché sta diventando una moda ostentare una finta povertà tra i viaggiatori.

Questa iniziativa dell’Unione Europea, oltre a promuovere l’integrazione partendo proprio dai più giovani attraverso l’esperienza della conoscenza che caratterizza il viaggio, può servire anche per frenare l’insorgere di queste mode che possono rivelarsi molto pericolose.

Come funziona e come si ottiene il Pass Interrail gratuito

Il biglietto del treno, del valore di 510 euro per un mese di viaggio, garantisce ai titolari la possibilità di esplorare 30 paesi in Europa senza costi aggiuntivi usufruendo delle 32 reti ferroviarie.

Hanno diritto al pass gratuito i giovani europei di tutti gli stati membri, anche quelli con mobilità ridotta e indipendentemente dal titolo di studio.

Come già noto, l’Interrail è un’esperienza di viaggio che si fa principalmente in treno, ma la Commissione ha previsto anche soluzioni alternative per gli spostamenti. È concesso infatti anche il trasporto alternativo, ad esempio via autobus o traghetto, nei paesi che si trovano al di fuori della rete Interrail come l’Estonia, la Lettonia, la Lituania, Malta e Cipro.

Il costo per fornire un biglietto Interrail gratuito a tutti i cittadini dell’UE che compiono 18 anni è stato stimato in oltre 1 miliardo di euro.

Campagna regione lazio