Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

L’accordo tra Italia e Libia sui migranti è stato denunciato alla giustizia europea per “schiavismo” e “torture”

La Global Legal Action Network, ong britannica, ha presentato denuncia a Strasburgo contro l'accordo tra il governo italiano e la Guardia costiera libica sulla gestione dei migranti nel Mediterraneo

Immagine di copertina
Credit: AFP PHOTO / Alessio Paduano

La collaborazione attualmente in essere tra Italia e Guardia costiera libica per la gestione dei flussi migratori nel Mediterraneo è stata denunciata alla giustizia europea perché ha portato a gravi violazioni dei diritti umani che includono torture e schiavismo.

A riportare la notizia è il quotidiano britannico “The Guardian“, riferendo della denuncia presentata a Strasburgo alla Corte europea dei diritti umani dall’organizzazione umanitaria britannica Global Legal Action Network, con l’appoggio dell’Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione, dell’università statunitense di Yale e dell’Arci.

La causa si basa essenzialmente sui racconti dei sopravvissuti al naufragio di un barcone avvenuto il 6 novembre 2017, nel quale affogarono 20 migranti.

I17 migranti sopravvissuti, dopo essere stati raggiunti dalla Guardia costiera libica, sono stati riportati in Libia proprio sulla base dell’accordo in questione.

I migranti hanno denunciato di essere stati detenuti in Libia in condizioni di vita inumane.

Secondo l’accusa, l’azione congiunta delle autorità italiane e libiche, finalizzata ad impedire ai barconi di raggiungere le coste dell’Italia costringendoli ad invertire la rotta e tornare in Libia contro la loro volontà, ha comportato che migliaia di migranti sono stati sottoposti a condizioni inumane, a fame, percosse e stupri.

La causa proposta potrebbe minacciare seriamente il piano messo in atto l’anno scorso dal governo italiano, che è stato approvato dai leader dell’Unione Europea e che ha portato ad una netta diminuzione degli sbarchi di immigrati sulle coste dell’Italia.

L’Unhcr (Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati) “ha già selezionato in Libia 1.500 persone che hanno diritto alla protezione internazionale. 350 le ha già prese l’Italia con i corridoi umanitari”. Mentre l’Oim (Organizzazione internazionale per le migrazioni) ha effettuato finora “25mila rimpatri volontari assistiti dalla Libia verso i Paesi africani di provenienza” e le istituzioni giudiziarie libiche “hanno spiccato 200 mandati di cattura nei confronti di trafficanti”.

Questo ha fatto sì che dal 1° luglio 2017 al 30 aprile 2018 “siano arrivate in Italia 104mila persone in meno”: sono le cifre fornite a Roma dal ministro dell’interno Marco Minniti, durante la  conferenza su “Immigrazione, accoglienza e integrazione” tenutasi il 7 maggio nella sede della Sioi (Società italiana per l’organizzazione internazionale).

L’accordo, finalizzato dal governo di Paolo Gentiloni e promosso dal ministro degli Interni Marco Minniti, prevede che l’Italia addestri, equipaggi e finanzi la Guardia costiera libica, responsabile di farsi carico delle barche di migranti di fronte alle coste della Libia.

Sullo stesso tema, Minniti: “In Libia non possiamo evitare di fare accordi con Haftar e Sarraj.