Me
“Le famose polpette di Ikea in realtà sono turche”: l’incredibile ammissione del governo svedese
Condividi su:
polpette ikea

“Le famose polpette di Ikea in realtà sono turche”: l’incredibile ammissione del governo svedese

Le celebri polpette di carne dell'Ikea non sono svedesi. Esulta il governo turco. Qui tutto quello che c'è da sapere

04 Mag. 2018
polpette ikea

Le polpette svedesi di Ikea in realtà sono turche.

Tutto è iniziato da un tweet da parte dell’account ufficiale del governo svedese:

Il tweet dice: “Le polpette svedesi sono in realtà basate su una ricetta che re Carlo XII portò a casa dalla Turchia all’inizio del XVIII secolo. Atteniamoci ai fatti!”.

Questo tweet è stato considerato a livello internazionale come una confessione da parte del governo svedese, e in poche ore ha fatto il giro del mondo.

TRT World, canale televisivo internazionale finanziato dalla Turchia, ha scritto sempre su Twitter:

“Le famose polpette svedesi che si trovano a Ikea sono in realtà turche, ammette il governo svedese”.

La storia delle “polpette svedesi” risale all’incirca al  ‘700.

Re Carlo XII, sovrano di Svezia, aveva perso una battaglia chiave contro la Russia nel 1709 e per questo rimase in esilio in Turchia.

Qui apprezzò la cucina locale e una volta rientrato in patria, portò con se il caffè turco (köfte) e la ricetta delle famose polpette di carne.

Inoltre portò in Svezia anche la ricetta del cavolo ripieno, che adesso è conosciuto in Svezia come kåldolmar.

Il Re Carlo XII morì nel 1718, colpito alla testa mentre attaccava la Norvegia occupata dalla Danimarca.

Il sovrano viene anche considerato il responsabile dell’importazione e della diffusione dell’abitudine turca di bere caffè, che si diffuse in Svezia nel tardo diciottesimo secolo.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus