Me
India: una ragazza lettone è stata drogata, violentata e decapitata
Condividi su:
india ragazza violentata decapitata
Liga Skromane è stata drogata, violentata e decapitata in India

India: una ragazza lettone è stata drogata, violentata e decapitata

Liga Skromane si era recata in India per cercare una cura alla sua depressione. Il corpo è stato ritrovato appeso ad un albero, senza testa

04 Mag. 2018
india ragazza violentata decapitata
Liga Skromane è stata drogata, violentata e decapitata in India

Liga Skromane, cittadina della Lettonia, è stata drogata, violentata e decapitata in India, dove si era recata per curare una forma di depressione da cui era afflitta.

Il suo corpo è stato ritrovato appeso a testa in giù in una foresta a Thiruvallam, nel sud del paese.

La donna era scomparsa lo scorso 14 marzo.

I fatti

Skromane era arrivata in India a febbraio per tentare di curarsi da una forma di depressione in uno dei centri di medicina alternativa nella regione di Kerala, nel sud dell’India.

Dopo che la donna si era temporaneamente allontanata per recarsi in una spiaggia nei dintorni, non ha più fatto ritorno. Non aveva avvertito la sorella, in India con lei in quei giorni.

Il corpo della donna scomparsa è stato ritrovato il 21 aprile in stato di decomposizione nella foresta di Thiruvallam, appeso ad un albero e con la testa recisa.

La sorella della vittima ha identificato il corpo e il test del Dna ha confermato che si trattava di Liga Skromane.

I sospettati dell’omicidio sono due spacciatori, secondo quanto riferisce la polizia.

“L’esame post-mortem non ha rivelato molto perché il corpo era in avanzato stato di decomposizione”, ha dichiarato la polizia.

“Era un caso molto difficile. Seguendo diverse piste e con l’aiuto degli esami scientifici, abbiamo capito che si trattava di un caso di stupro e omicidio. La vittima è stata attirata nell’area, le è stata somministrata della droga ed è stata abusata sessualmente. Quando ha cercato di opporre resistenza è stata uccisa”, ha dichiarato l’ufficiale di polizia Manoj Abraham.

I due sospettati sono stati arrestati 10 giorni dopo il ritrovamento del corpo.

Uno di loro era già noto alle forze dell’ordine per violentato altre donne e uomini in passato nella stessa zona in cui è stato ritrovato il cadavere di Liga Skromane.

“Gli accusati hanno pensato di simulare un suicidio lasciando il corpo appeso ad un albero. Abbiamo lavorato sulle prove e abbiamo creato un caso inconfutabile. Gli ufficiali di polizia che hanno condotto le indagini riceveranno una medaglia all’onore”, ha riferito il direttore della polizia di Kerala, Loknath Behera.

La sorella della vittima è soddisfatta del lavoro condotto dalle forze dell’ordine.

“L’ufficiale di polizia Manoj Abraha ed io siamo rimasti in contatto. So che stanno facendo del loro meglio nell’investigare e nell’assicurare la giustizia. Sono soddisfatta di ciò che stanno facendo”, ha affermato la donna.

I funerali di Liga Skromane si sono tenuti a Thiruvananthapuram, la città nel sud dell’India in cui viveva la donna.

“Mia sorella amava Kerala e ha ricevuto grande amore e sostegno. Non vogliamo lasciare l’India con brutti ricordi”, ha detto la sorella della vittima.

Il corpo di Liga Skromane è stato cremato e le ceneri sono state riportate in Lettonia.

In India i casi di stupro sono molto frequenti, nonostante nei mesi passati siano state introdotte delle pene molto più severe.

Il governo indiano ha inoltre approvato l’introduzione della pena di morte per i colpevoli di violenza sessuale minorile.

La modifica al codice penale del paese si applica ai condannati per stupro di un bambino di età inferiore ai 12 anni.

Di recente l’India era stata scossa da numerose proteste a seguito dello stupro di gruppo e dell’omicidio di una bambina di otto anni.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus