Me
Il ciclista Pozzato rinuncia al suo ultimo Giro d’Italia per stare vicino a suo padre
Condividi su:
giro italia 2018 pozzato
Filippo Pozzato durante una gara

Il ciclista Pozzato rinuncia al suo ultimo Giro d’Italia per stare vicino a suo padre

Il corridore italiano ha abbandonato il circo rosa non appena saputo che il papà è grave. Al suo posto Alex Turrin

04 Mag. 2018
giro italia 2018 pozzato
Filippo Pozzato durante una gara

Niente Giro d’Italia per Filippo Pozzato. Il ciclista italiano ha abbandonato in fretta e furia il circo rosa partito oggi da Gerusalemme per fare rientro in Italia, a Vicenza.

A richiamarlo a casa la notizia che il papà, Carlo, è in gravissime condizioni all’ospedale San Bortolo di Vicenza.

Il padre di Filippo Pozzato è ricoverato per una grave malattia, alla quale sono subentrate di recente alcune complicazioni cardiache.

Secondo quanto riporta il Giornale di Vicenza, nei giorni scorsi è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico ma purtroppo ieri mattina il quadro clinico si è aggravato ulteriormente.

Per questo motivo Pippo (così è soprannominato dai suoi tifosi) Pozzato, 37 anni a settembre, non ci ha pensato due volte: ha salutato il Giro d’Italia (che molto probabilmente sarebbe stato l’ultimo della sua carriera) e ha preso il primo volo in partenza da Tel Aviv per Milano da dove ha poi raggiunto Vicenza.

Al suo posto il team Wilier Triestina – Selle Italia ha chiamato il 25enne bellunese Alex Turrin, al debutto al Giro. Debutto inaspettato che forse avrebbe preferito vivere in modo diverso.

Data la brutta notizia, nelle ultime ore tutto il mondo del ciclismo ha riposto maglie e tifo e si è stretto attorno a Pozzato e ai suoi cari in questo difficile momento.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus