Me
Il presidente della Camera Roberto Fico accusato dalle Iene di avere una colf in nero | Video
Condividi su:
Fico colf iene
Uno fermo immagine del servizio de "Le Iene" Credits: Le Iene, Mediaset

Il presidente della Camera Roberto Fico accusato dalle Iene di avere una colf in nero | Video

Roberto Fico è stato raggiunto dal programma televisivo Le Iene, che lo ha accusato di avere una colf in casa senza contratto. Ecco cosa è successo:

30 Apr. 2018
Fico colf iene
Uno fermo immagine del servizio de "Le Iene" Credits: Le Iene, Mediaset

Il presidente della Camera Roberto Fico accusato dalle Iene di avere una colf in nero | Video |

Il presidente della Camera Roberto Fico, del Movimento 5 Stelle, è stato protagonista di un servizio mandato in onda dal programma Le Iene.

L’accusa rivolta dalle Iene è la seguente: Fico avrebbe una colf in casa senza regolare contratto.

La colf, secondo quanto riporta il servizio andato in onda domenica 29 aprile, lavorerebbe nella casa del presidente della Camera in provincia di Napoli, dove vive anche Yvonne, la compagna di Fico.

Nel servizio viene mostrato un uomo di spalle, il quale dichiara che in passato nella casa del presidente della Camera lavorava un ragazzo di nazionalità ucraina.

Sempre il testimone anonimo dice alle Iene che questo ragazzo è stato mandato via subito dopo l’elezione di Fico perché “era senza permesso di soggiorno e questo poteva creare problemi con i giornalisti”.

L’attenzione del programma si sposta poi verso l’attuale colf di casa Fico, Imma.

Imma lavorerebbe da tempo nella casa di Fico e sembra conoscere bene anche Yvonne e sua figlia.

Nel servizio delle Iene, la fonte anonima afferma che Imma lavora da anni senza un regolare contratto, per una paga di 500 euro al mese.

La stessa colf Imma, nel servizio, viene raggiunta dalle Iene e filmata con una telecamera nascosta.

Imma sostiene di avere regolare contratto perché “loro (Fico e Yvonne, ndr) tengono molto a queste cose”.

Le Iene fanno notare che non è possibile che Imma abbia un contratto perché per la somma che le viene data ogni mese è sotto il minimo sindacale per le collaboratrici domestiche.

A questo punto la iena Monteleone cerca di raggiungere Fico per chiedere spiegazioni.

Nel servizio si vedono diversi tentativi da parte della Iena di avvicinarsi al presidente, il quale elude le domande salendo sull’auto di servizio (e non blu, come ha precisato in seguito) e nell’allontanarsi imbocca anche una strada contromano.

Dopo un paio di tentativi a vuoto, Roberto Fico accetta di rispondere alle domande del programma televisivo.

Fico risponde alle accuse dicendo che Imma “è una carissima amica della mia campagna, si aiutano a vicenda. La figlia, che ora ha quindici anni, va spesso a casa di Imma. Lei e la mia compagna vanno spesso a fare la spesa insieme, le presto la macchina e magari Imma le fa qualche servizio”.

Inoltre rispondendo alle accuse riguardo una precedente collaborazione domestica con un ragazzo ucraino, anch’esso senza contratto, risponde che “Roman (il ragazzo ucraino, ndr) aveva molto bisogno di aiuto e nei suoi confronti ho fatto beneficenza. Non so se abbia o meno il permesso di soggiorno. Ma Roman non ha mai lavorato per me. Ogni tanto si sdebita, tutto qui”.

Questo servizio ha suscitato diverse polemiche nel mondo politico.

Matteo Renzi, al programma televisivo “Che tempo che fa” del 29 aprile ha definito grave l’accaduto, aggiungendo: “Il concetto è semplice: non puoi dire io facevo beneficenza e lei si sdebitava”.

Renzi durante l’intervista ha anche chiesto a Fico di presentarsi in Parlamento per fornire dei chiarimenti.

Qui invece un tweet polemico di Maurizio Gasparri:

Qui il servizio completo delle Iene

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus