Me
San Severo, esplosione in una fabbrica di fuochi d’artificio: due feriti, uno grave | Ultime notizie | Aggiornamenti
Condividi su:
san severo esplosione
San Severo, esplode fabbrica di fuochi d'artificio

San Severo, esplosione in una fabbrica di fuochi d’artificio: due feriti, uno grave | Ultime notizie | Aggiornamenti

28 Apr. 2018
san severo esplosione
San Severo, esplode fabbrica di fuochi d'artificio

San Severo esplosione in fabbrica di fuochi d’artificio: due feriti, uno grave | Ultime notizie | Aggiornamenti

Due persone sono rimaste ferite a causa di un’esplosione avvenuta in un laboratorio di fuochi d’artificio a San Severo, in provincia di Foggia. Uno dei due feriti è in gravi condizioni ed è stato trasportato d’urgenza al reparto grandi ustionati dell’ospedale di Brindisi.

Entrambi gli uomini sono dipendenti dell’azienda. In seguito all’esplosione nella fabbrica è divampato un incendio. I dipendenti sono fuggiti dall’edificio, e poco dopo sono arrivati i Vigili del Fuoco per cercare di domare le fiamme.

Non sono ancora chiare le cause dell’esplosione. In questo momento sono in corso accertamenti dei carabinieri, che stanno analizzando anche le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza.

C’è apprensione per la sorte di uno dei due dipendenti, quello ferito più gravemente, che potrebbe essere in pericolo di vita.

Il sindaco di San Severo Francesco Miglio ha dichiarato: “Siamo vicini ai titolari dell’azienda, agli operai, alle loro famiglie in questo momento bruttissimo e assai triste: l’esplosione è stata fortissima e avvertita da tutti in città. In questo momento ci preme portare i sensi di grande solidarietà di tutta l’Amministrazione Comunale di San Severo: siamo profondamente turbati per quanto accaduto, esprimiamo sconcerto ed allo stesso tempo per l’accaduto che speriamo non si tramuti in tragedia”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus