Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Contratto di governo: ecco i 10 punti proposti da Di Maio sulla base del modello tedesco

Il Contratto di governo redatto dal professor Giacinto della Cananea individua i 10 punti di convergenza tra Movimento, Partito Democratico e Lega per la formazione del nuovo governo

Immagine di copertina
Luigi Di Maio, leader del Movimento 5 Stelle.

Contratto governo Di Maio | 10 punti proposti dal leader M5s sul modello tedesco | Tutte le divergenze e le convergenze 

Il 12 aprile 2018 Luigi Di Maio, leader del Movimento 5 stelle, ha incaricato Giacinto della Cananea, professore di diritto all’Università di Roma Tor Vergata, di studiare le convergenze programmatiche tra il Movimento e la Lega e il Partito Democratico.

Sul “Blog delle stelle” è disponibile il primo schema dell’accordo.

“Come emerge anche dal documento, il Movimento 5 Stelle non ha nessuna intenzione di perdere la sua identità politica in un governo di coalizione classico”, scrive Di Maio sul Blog.

“Per garantire un governo forte e votato al cambiamento abbiamo quindi proposto un’intesa su 10 punti fondamentali per il Paese“.

Il contratto prevede dei vincoli politici che obbliga le parti contraenti a rispettare l’accordo.

Inoltre, nel Documento si parla di “un comitato di conciliazione nominato dalle parti con lo scopo di ricomporre le eventuali divergenze e una verifica sull’avanzamento dei lavori a metà della legislatura appena iniziata, così da garantire ai cittadini piena trasparenza sull’azione di governo”.

I modelli di riferimento sono la Germania, in cui vi sono stati “governi di coalizione per un lungo periodo”, e il Regno Unito.

Qui la versione integrale del Contratto.

Le divergenze

Nella bozza di contratto non sono prese in considerazione alcune proposte del Movimento 5 stelle come la lotta alla corruzione o il conflitto di interessi, perché non presenti nei programmi di Lega e Partito Democratico.

Nella stesura del Contratto, infatti, sono state escluse le incongruenze più significative fra i tre partiti.

“Le divergenze che si sono manifestate ben prima dell’ultima campagna elettorale riguardano temi e problemi tra quelli più rilevanti per l’azione dello Stato, all’interno e all’esterno, e sono quindi tali da rendere ardua la formazione di un governo coeso”, scrive il professore Della Cananea.

“In alcuni casi sussistono significative convergenze per quanto riguarda sia i fini sia i mezzi. In altri casi le divergenze sono molto accentuate, se non radicali per quanto concerne i fini (per esempio nel modo di concepire il sistema pensionistico) o i mezzi (per esempio gli strumenti per contrastare la povertà e l’organizzazione della giustizia penale)”, continua il professore nell’apertura del documento.

Tra i punti assenti nella bozza del contratto di governo ci sono la lotta a corruzione, mafie e ai conflitti d’interesse, presenti nel programma elettorale dei 5 stelle, ma non in quello di Lega e PD.

Altri due temi assenti sono la modifica della legge Fornero e la riforma della cosiddetta Buona scuola.

Nella sezione dedicata alle divergenze è specificato che le differenze più significative tra M5s, PD e Lega riguardano “le pene da comminare a quanti commettano reati particolarmente odiosi, come lo stupro; la possibilità di utilizzare misure alternative alla detenzione; i principi cui deve ispirarsi l’organizzazione pubblica (alcuni sono favorevoli alla separazione delle carriere dei giudici da quelle dei pubblici ministeri, altri sono nettamente contrari)”.

“Sono più note, e non meno marcate, le divergenze in materia vaccinale. Ma sono più rilevanti (….) le divergenze concernenti l’Unione economica e monetaria e le pensioni”.

“Non si può nemmeno escludere, tuttavia, che le forze politiche disponibili ad un accordo riescano a sviluppare un’azione sufficientemente coesa, che permetta di conseguire obiettivi importanti per il Paese e di imprimere un indirizzo unitario”, si legge nella lettera del professore indirizzata a Luigi Di Maio.

Le convergenze 

Le convergenze tra i programmi di Movimento  5 stelle, Lega e Partito Democratico riguardano soprattutto: la tutela dei giovani e delle famiglie; la sicurezza; l’erogazione di servizi pubblici, con particolare attenzione al sistema sanitario; l’eliminazione degli squilibri territoriali; il cambiamento nel rapporto tra i cittadini e il fisco.

Il testo include una tabella che sintetizza in 10 punti le convergenze:

1. Costruzione del futuro per i giovani e le famiglie attraverso politiche di contrasto alla violenza di genere; sostegno alle famiglie; maggiori investimenti nell’università e nella ricerca.

2. Contrasto alla povertà e alla disoccupazione. Si parla in questo caso di salario minimo garantito e di “sostengo al reddito associato alla disponibilità a lavorare”. Sparisce quindi il riferimento esplicito al reddito di cittadinanza.

3. Eliminazione degli squilibri territoriali, garantendo sicurezza e legalità, migliorando le infrastrutture e promuovendo il sostegno pubblico alle opere di interesse collettivo.

4. “Sicurezza e giustizia per i cittadini”. Sono previste nuove assunzioni, la riforma della polizia, un migliore coordinamento tra le forze dell’ordine, l’intensificazione e la coordinazione di intelligence, il miglioramento del processo civile e interventi nella giustizia amministrativa.

5. Convergenze fra i tre partiti sulle politiche atte a “Difendere e rafforzare il servizio sanitario nazionale”.

6. Proteggere le imprese e incoraggiare l’innovazione, con un piano 4.0 per le aziende. Tutti i partiti concordano sull’imposizione di sanzioni più severe per amministratori e manager e sull’imposizione di un diverso trattamento commerciale tra le banche commerciali e quelle d’affari.Particolare attenzione è data poi al settore agricolo e ai prodotti biologici, nonché alla tutela del Made in Italy.

7. Instaurazione di un “nuovo rapporto tra cittadino e fisco” che preveda la semplificazione degli adempimenti e la tassazione dei colossi di internet, oltre che una maggiore equità nella pressione fiscale applicata al ceto medio.

8. Attenzione alle infrastrutture, all’edilizia scolastica e maggiori investimenti.

9. Protezione dell’ambiente. Sia il Movimento, che la Lega e il PD sono d’accordo nell’investire nella green economy e nell’energia pulita.

10. Rendere l’amministrazione efficiente e trasparente. Nel Contratto si specifica infatti che tutti gli obiettivi che i partiti si sono prefissati “non possono essere realizzati senza un complessivo miglioramento dell’organizzazione e del funzionamento delle pubbliche amministrazioni”.

Chi è la nuova compagna di Luigi Di Maio