Me
Come si chiamerà il terzo figlio di William e Kate?
Condividi su:
nome terzo figlio william kate
William e Kate.

Come si chiamerà il terzo figlio di William e Kate?

Gli scommettitori britannici hanno quotato il nome del figlio dei reali inglesi, nato il 23 aprile 2018

24 Apr. 2018
nome terzo figlio william kate
William e Kate.

Il 23 aprile 2018 il Principe William e sua moglie Kate Middleton hanno dato alla luce il loro terzo figlio, un maschio.

Come nel caso dei due precedenti “royal babies”, George e Charlotte, l’evento è stato seguito nel Regno Unito e in tutto il resto del mondo.

Non si sa ancora, però, il nome del nascituro.

Il parto è avvenuto alle 11.01 (ora di Londra) del 23 aprile 2018. Il terzo royal baby al momento della nascita pesava 3,8 chilogrammi.

Il principe William era presente al momento della nascita. La regina, il duca di Edimburgo, il principe di Galles, la duchessa di Cornovaglia, il principe Harry e i membri di entrambe le famiglie sono stati informati e si rallegrano della notizia.

Ecco perché i bookmakers inglesi, che scommettono praticamente su tutto, non stanno perdendo l’occasione per “quotare” anche il probabile nome del terzogenito della coppia reale.

Ci sono alcune indicazioni che vengono utilizzate dagli scommettitori. Prima fra tutte: i due precedenti figli di William e Kate hanno avuto nomi piuttosto comuni, non stravaganti.

Ciò lascia presupporre che i due non amino nomi bizzarri e fuori dagli schemi. I bookmakers sono poi andati a ritroso facendo una lista dei nomi dei reali britannici, per capire quali sono stai i più usati, quali quelli che non vengono utilizzati da molto tempo pur essendo nomi tradizionalmente “nobiliari”, e altro ancora.

Risultato: le quote più basse (che evidenziano quindi una maggiore probabilità) sono state assegnate ai nomi Philip, Arthur, Albert, Frederick e James.

In ogni caso, il terzo “royal baby” si troverà al quinto posto nella linea di successione al trono. Verosimilmente, quindi, non sarà costretto ad affrontare una vita troppo stressante da questo punto di vista, perché sarà meno caricato di aspettative rispetto agli altri due figli di William e Kate.

Secondo i media britannici, inoltre, è probabile che William e Kate non si fermeranno a tre figli, e che ci saranno altri “royal babies” in futuro.

La linea di successione al trono britannico

Come detto, il terzo figlio di William e Kate sarà quinto nella linea di successione al trono.

Ma chi sono, e in quale ordine, i 16 successori della regina Elisabetta, che oggi ha 91 anni?

Ecco la lista completa:

• Principe Carlo: a quasi 69 anni Charles sarà il più vecchio erede ad accedere al trono britannico. Si discute se diventerà Re Carlo III o assumerà il nome di Re Giorgio VII.

• Principe William: come primogenito del primogenito della regina, William erediterà il trono dopo suo padre. C’è la piccola possibilità che Carlo abdichi in suo favore, facendo diventare così direttamente William il successore della regina Elisabetta.

• Prince George: oggi ha solo 4 anni, ma è già il terzo in linea di successione, essendo il primogenito del primogenito del primogenito della regina.

• Principessa Charlotte: come erede di riserva al trono, Charlotte farà da supporto al fratello maggiore finché non avrà una famiglia tutta sua.

• Principe Harry: Fino alla nascita della piccola Charlotte, nel 2015, Harry era il quarto in linea di successione, ma oggi diventato quinto. Dai suoi commenti sulla possibilità di diventare re un giorno si capisce che l’idea non lo attiri così tanto.

• Principe Andrea: Il figlio secondogenito della regina, il duca di York, ora sesto, diventerà settimo in linea di successione quando nascerà il terzo figlio di William. Ciò significa che potrà ufficialmente sposare chiunque voglia senza dover prima ottenere il permesso dalla regina.

• Principessa Beatrice: è la figlia maggiore del Duca di York e l’ex moglie Sarah Ferguson

• Principessa Eugenia: è la sorella minore di Beatrice. Entrambe le sorelle possono sposare chiunque vogliano senza dover chiedere alla nonna sovrana il permesso

• Prince Edward: Il conte di Wessex è l’ultimo figlio della regina Elisabetta e il principe Filippo, ma a causa di una legge del 1701 (che è stata modificata nel 2013), Edward si trova in un gradino più alto della sorella maggiore Anna, nella linea degli eredi al trono. Non succederà la stessa cosa invece alla principessa Charlotte, che non potrà essere “scavalcata” dal fratello minore, anche se maschio.

• James, visconte Severn: ha dieci anni ed è l’unico figlio maschio del principe Edward e di sua moglie, Sophie. Perché è nato nel 2009 – la legge si applica a quelli nati dopo l’ottobre 2011 – è stato in grado di tagliare in fila davanti a sua sorella maggiore, Louise.

• Lady Louise Mountbatten-Windsor: la tredicenne, che fu damigella d’onore al matrimonio del Principe William e di Kate Middleton, pur essendo più grande del fratello James, si trova dietro di lui nella successione, poiché nata prima dell’approvazione del Crown act, che invece “tutela” la principessa Charlotte.

• Principessa Anna: Anna è la terzogenita della regina Elisabetta

• Peter Phillips: è il figlio della principessa Anna

• Savannah Phillips: è la figlia di 6 anni di Peter Phillips

• Isla Phillips: Isla, ha cinque anni, ed è la sorella minore di Savannah

• Zara Tindall: l’ultima in linea di successione ed è la primogenita della principessa Anna, sposata con l’ex giocatore di rugby britannico Mike Tindall Leggi anche: Il piano segreto che sarà attivato alla morte della regina Elisabetta.

Leggi anche: Cosa possono indossare i reali britannici e cosa no

Leggi anche: Perché Kate Middleton era l’unica donna a non indossare un abito nero ai Bafta

Leggi anche: Perché Kate Middleton non si toglie mai il cappotto nei luoghi chiusi

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus