Me
Un canguro è stato ucciso a colpi di mattoni lanciati dai visitatori dello zoo
Condividi su:
canguro ucciso mattoni zoo
Un canguro è stato ucciso a colpi di mattoni lanciati dai visitatori dello zoo in Cina.

Un canguro è stato ucciso a colpi di mattoni lanciati dai visitatori dello zoo

L'animale è morto dopo l'aggressione che ha causato un'emorragia interna

24 Apr. 2018
canguro ucciso mattoni zoo
Un canguro è stato ucciso a colpi di mattoni lanciati dai visitatori dello zoo in Cina.

Canguro ucciso mattoni zoo

In Cina, allo zoo di Fuzhou, nella provincia del Fujian, una femmina di canguro di 12 anni è morta a causa delle ferite provocate dai colpi di mattoni e sassi lanciati dai turisti del parco.

I visitatori dello zoo volevano vedere il canguro saltare e così hanno deciso di colpirlo con dei mattoni per provocare una sua reazione.

canguro mattoni ucciso zoo

A seguito dell’aggressione il canguro ha subito una grave ferita alla zampa, e tre giorni dopo è morto.

Secondo le indagini veterinarie l’animale è morto a causa di un’emorragia interna causata dal colpo dei mattoni.

“Un membro del personale ha visto i mattoni gettati nel recinto ed è andato a cercare i colpevoli, ma senza successo”, ha riportato il veterinario dello zoo Chen Xiaoli.

canguro mattoni ucciso zoo

“C’erano troppi visitatori in giro ed è stato impossibile individuarli”.

Lo zoo di Fuzhou in seguito a questo episodio ha deciso di installare delle telecamere di sicurezza.

Jason Baker, della PETA, l’associazione che si occupa della tutela degli animali, ha tuttavia commentato che questo provvedimento non funzionerà.

Molti zoo cinesi sono stati a lungo considerati luoghi angusti per gli animali.

Nelle grandi città diversi parchi zoologici hanno cercato di migliorare le condizioni degli animali, anche a causa delle crescenti proteste pubbliche.

canguro mattoni ucciso zoo

“L’installazione di telecamere di sicurezza non risolverà il problema; finché le persone acquisteranno i biglietti allo zoo, gli animali continueranno a essere maltrattati”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus