Me
Quanto costa studiare fuori sede | Stanze | Cibo | Trasporti | Alcol | La media italiana
Condividi su:
quanto costa studiare fuori sede
Quanto costa studiare fuori sede | Stanze | Cibo | Trasporti | Alcol | La media italiana. Credit: Pixabay

Quanto costa studiare fuori sede | Stanze | Cibo | Trasporti | Alcol | La media italiana

Tutte le spese che ogni mese deve affrontare uno studente medio che frequenta l'università fuori sede

20 Apr. 2018
quanto costa studiare fuori sede
Quanto costa studiare fuori sede | Stanze | Cibo | Trasporti | Alcol | La media italiana. Credit: Pixabay

Quanto costa studiare fuori sede | Stanze | Cibo | Trasporti | Alcol | La media italiana

Secondo l’analisi effettuata da Skuola.net, utilizzando i dati dell’Anagrafe Nazionale Studenti (ANS), relativa all’anno accademico 2016/2017, gli studenti italiani che frequentano l’università fuori sede sono più di 400mila, cioè circa il 25 per cento dei giovani del paese.

Quanto costa studiare fuori sede

Uniplaces è una piattaforma digitale dove si possono trovare oltre 50mila annunci di affitti online, destinati agli studenti fuori sede.

La piattaforma ha presentato, venerdì 20 aprile 2018, i dati relativi al costo della vita nelle principali città universitarie italiane, basandosi sul costo medio di: vitto, alloggio, bevande e trasporto urbano.

Stanze

Nelle città universitarie italiane, le stanze singole per studenti costano quasi quanto un appartamento normale nelle città ‘non universitarie’.

Il prezzo medio mensile di una camera a Napoli è di 307 euro, quasi la metà rispetto ai prezzi di una stanza in affitto a Milano, per cui vengono chiesti in media 610 euro al mese.

Tra le città più care, subito dopo Milano, ci sono Roma, con un prezzo medio di 530 euro a stanza, e Firenze, dove una camera costa circa 520 euro al mese.

Cibo

Per quanto riguarda il vitto degli studenti, brutte notizie per chi sta svolgendo i suoi studi alla Scuola Normale di Pisa.

L’Università gode di un’ottima fama ma, stando ai dati di Uniplaces, Pisa è la città universitaria più costosa per quanto riguarda il cibo.

Il costo medio per mangiare ogni mese a Pisa è di circa 316 euro, seguita da Firenze, il cui prezzo medio mensile è 285 euro, e Bologna, città in cui nutrirsi costa in media 283 euro.

Incredibile ma vero, la città più conveniente in assoluto, relativamente a questo tipo di spesa, è la capitale: a Roma il vitto di uno studente medio è di 251 euro al mese.

Trasporti

Riscattandosi dal prezzo elevato del cibo, Pisa è la città più economica per quanto riguarda i mezzi pubblici. Spostarsi per la città, a Pisa, costa circa 27 euro al mese.

La più costosa, invece, è Padova, dove la spesa relativa ai mezzi di trasporto è, in media, 39 euro.

Al secondo e terzo posto si piazzano rispettivamente Napoli e Bologna, la prima con una spesa media di 37,5 euro e la seconda di 36 euro.

Milano, Roma e Firenze, a pari merito, si trovano al quarto posto della classifica, con un costo medio di 35 euro.

Alcol

Per gli studenti a cui piace godersi una buona birra dopo lo studio, è meglio che vadano a studiare nella capitale, considerato che il costo medio per una singola birra a Roma è di appena 1,10 euro.

La città più cara in questo caso è Padova, con un prezzo medio di 1,50 euro per birra.

In gran parte delle altre città esaminate la cifra si attesta attorno a 1,40 euro, centesimo più, centesimo meno.

La media italiana

Nelle città italiane una stanza costa mediamente 441 euro, circa 170 euro in meno rispetto alla città universitaria più cara, Milano.

Riguardo alla spesa mensile per il vitto, la media nazionale è di 259 euro, poco sopra Roma, la città universitaria più economica.

Il prezzo medio mensile per il trasporto urbano è di 35 euro.

E, infine, il costo medio di una birra è di 1,27 euro, inferiore alla maggior parte dei prezzi nelle varie città considerate.

| Perché uno studente universitario su cinque soffre di ansia o depressione |

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus