Me
Il re dello Swaziland cambia nome al paese: da oggi si chiamerà Regno di eSwatini
Condividi su:
swaziland nome

Il re dello Swaziland cambia nome al paese: da oggi si chiamerà Regno di eSwatini

Lo Swaziland è l'ultima monarchia assoluta esistente in Africa. L'annuncio del cambio di nome è arrivato in occasione del 50esimo compleanno del suo discusso sovrano

19 Apr. 2018
swaziland nome

Il re dello Swaziland Mswati III ha annunciato di voler cambiare nome al suo paese, che da ora si chiamerà Regno di eSwatini.

L’annuncio è arrivato durante le celebrazioni del 50esimo anniversario dell’indipendenza della nazione africana.

Il caso ha voluto che la ricorrenza coincidesse anche con il 50esimo compleanno di re Mswati. Lo Swaziland, o Regno di eSwatini che dir si voglia, è una monarchia assoluta, l’unica ancora esistente in Africa.

 

 

Re Msati, conosciuto anche con il soprannome di “leone”, è noto per avere moltissime mogli, nonché per la sua fedeltà all’abbigliamento tradizionale e tribale che rimanda alla storia del paese.

Lo Swaziland è anche membro del Commonwealth.

L’annuncio del cambio di nome non ha fatto contenti tutti. Secondo quanto viene riportato dai media locali, nel paese c’è malcontento per la scelta del re.

Molti ritengono che  Mswati farebbe meglio a concentrarsi su questioni più urgenti, come la crisi economica e la mancanza di lavoro.

Da diversi anni nello Swaziland sono in corso proteste di cittadini e attivisti che chiedono una transizione verso la democrazia e il riconoscimento alla popolazione di maggiori diritti civili.

Re Mswati è figlio di Sobhuza II, che ha governato il paese per ben 82 anni sposando 125 donne. Mswati, dal canto suo, ha 15 mogli.

Nonostante il cambio di nome divenga ufficiale solo adesso, sono già molti anni che Mswati parla dello Swaziland definendolo “Regno di eSwatini”.

Fu proprio con questa denominazione del paese, ad esempio, che Mswati si presentò all’Assemblea generale dell’Onu nel 2017.

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus