Me

Perché i no-vax stanno ricoprendo di insulti Jovanotti

"Un altro venduto del sistema", "è chiaro che per i soldi farebbe morire milioni di bambini": la parte complottista e no-vax di internet si sta rivoltando contro Jovanotti

Immagine di copertina
Perché i no-vax stanno ricoprendo di insulti Jovanotti. Credit: Lorenzo Cherubini Jovanotti Fcebook

Perché i no-vax stanno ricoprendo di insulti Jovanotti | Cosa è successo | La reazione dei no-vax | Il video | Vaccini | Tutto quello che c’è da sapere

Perché i novax se la stanno prendendo con Jovanotti

Domenica 15 aprile 2018 il cantante italiano Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, ha tenuto il suo concerto alla Unipol Arena di Bologna, prima di ritrovarsi costretto ad annullare il concerto successivo, previsto per la sera di lunedì 16 aprile, a causa di un edema alle corde vocali.

Cosa è successo

Durante la tappa bolognese, il cantautore si è ritagliato qualche secondo per parlare con i suoi fan di una questione attualmente piuttosto calda e controversa in Italia: i vaccini.

“Io posso fare una ricerca su internet ma c’è gente che ha dedicato la vita allo studio delle malattie, allo studio delle cure”, ha iniziato Jovanotti.

“Queste persone che hanno passato la vita allo studio della medicina, che è faticoso, io non credo che siano lì per fregare il prossimo”.

Secondo Jovanotti ci si dovrebbe sempre informare indipendentemente, anche attraverso internet, ma poi ci si dovrebbe affidare senza pensarci due volte a chi ne sa di più.

“Sei d’accordo con me che ci si affida a quelli che ne sanno di più?”, ha chiesto a uno dei suoi numerosi fan presenti quella sera.

L’intervento di Jovanotti è stato particolarmente apprezzato dalla Rete Informazioni Vaccini (RIV), la cui pagina Facebook ufficiale ha condiviso il video delle dichiarazioni de cantante durante il concerto.

La reazione dei no-vax

In risposta alle affermazioni di Jovanotti, com’era prevedibile, si sono scatenati tutti coloro che non credono nell’efficacia dei vaccini. I no-vax, anzi, credono che i vaccini siano dannosi per la salute.

C’è chi, in modo più sereno e disteso, ha fatto la parodia della canzone Sono un ragazzo fortunato dello stesso Jovanotti:

E chi invece, accecato da un’ideologia opposta, è passato direttamente al complottismo e agli insulti pesanti:

Ha partecipato ad un incontro segreto di cui facevano parte anche le case farmaceutiche (LO HA RIVELATO LUI IN UN VIDEO) le quali PAGANO BENISSIMO! Perché hanno scelto lui? Sarà bastato un altro algoritmo!! Venduto infame!”, “Un altro venduto del sistema”, “è chiaro che per i soldi farebbe morire milioni di bambini”.

Altri ancora, invece, si sono indignati al punto di volere che tutti i loro amici levassero il “mi piace” dalle pagine social del cantante romano.

Attualmente la pagina Facebook di Jovanotti, così come ognuno dei suoi altri canali social, sta provvedendo a cancellare tutti i commenti di odio e di astio nei confronti del cantante, scritti dai no-vax.

Il video 

Il video che mostra le parole usate dal cantante romano Jovanotti per parlare ai suoi fan dei vaccini, durante il concerto di Bologna di domenica 15 aprile 2018.

Campagna regione lazio

Vaccini | Tutto quello che c’è da sapere

Tutti credono di saperne più degli altri quando si parla di vaccini. La confusione sul tema è grande ed è capace di dividere l’opinione pubblica. Eppure non si tratta di opinioni, ma di scienza.

Da una parte c’è la comunità scientifica, e chi di questa si fida. Dall’altra chi grida al complotto, alla disinformazione, alla libertà di scelta.

In oltre un secolo di storia i vaccini hanno salvato milioni di vite e impedito a numerose epidemie di diffondersi.

Ma siamo sicuri di sapere veramente cosa sono e come funzionano i vaccini? Per saperne di più, ecco le dieci risposte alle domande più comuni sul tema: clicca qui per leggere l’articolo completo.

| Jovanotti ha un edema alle corde vocali, annulla il concerto a Bologna |

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook