Me

La sindrome del nido vuoto nel corto della Pixar “Bao”, dedicato a un raviolo cinese

Bao è il nuovo corto animato della Pixar che racconta la storia di una donna cinese emigrata in Canada che si ritrova sola dopo la partenza dei figli

Immagine di copertina
Bao, il nuovo corto animato della Pixar dedicato a un raviolo cinese.

Bao è il nuovo corto animato della Pixar che ha come protagonista un raviolo cinese e tratta la sindrome del “nido vuoto”.

La trama del film animato:

Il corto ha una durata di 8 minuti e racconta la storia di una donna cinese emigrata in Canada che si ritrova sola dopo la partenza dei figli.

La donna soffre della cosiddetta sindrome del “nido vuoto”, vale a dire la sensazione di nostalgia e pensieri negativi che provano i genitori, le madri in particolare, quando i figli se ne vanno di casa.

Tristezza e perdita del senso della vita sono i sentimenti che attanagliano la madre protagonista del film, ma un piccolo raviolo prenderà vita e le farà tornare il sorriso.

Bao ha come obiettivo quello di esplorare “gli alti e bassi della relazione genitore-figli dalla prospettiva – colorita, ricca e gustosa – dell’immigrazione cinese stanziata in Canada”, secondo quanto dichiara la Pixar in un comunicato.

Quando esce nelle sale in Italia?

Il cortometraggio Bao uscirà nelle sale cinematografiche insieme a Gli Incredibili 2, la famiglia di supereroi più famosa del pianeta.

In questo articolo il trailer del film di animazione della Pixar che racconta le vicissitudini della straordinaria famiglia Parr, i cui componenti hanno tutti poteri fuori dalla norma.

Bao invece sarà proiettato al NYC Film Festival il 21, 24, 27 e 28 aprile 2018, in Italia arriverà nelle sale quest’estate, non prima di giugno.

La regia:

Domee Shi, è la regista di Bao, la prima donna a dirigere un corto della Pixar.

Chi ha iniziato la sua carriera come stagista per poi arrivare a conquistare il posto nel team creativo contribuendo ai lavori di Inside Out e Incredibili 2.

 Qui il trailer di Bao: