Me

Ragazza violentata a 10 anni, molestata a 15 e aggredita in una stazione di polizia

La vittima, adesso 15enne, ha avuto il coraggio di raccontare alla madre lo stupro vissuto a 10 anni solo nel 2016. L'aggressore è stato arrestato, ma è stato rilasciato dietro cauzione

Immagine di copertina
Una ragazza è stata violentata e molestata in una stazione polizia in Sudafrica

Una ragazza è stata violentata quando aveva 10 anni ed è stata molestata sessualmente a febbraio 2018, all’età di 15 anni. Il giorno dopo la giovane si è recata alla stazione di polizia locale di Klapmuts, nella provincia del Capo occidentale in Sudafrica, per sporgere denuncia e lì è stata assalita per la seconda volta da un uomo ubriaco.

La vicenda ha avuto inizio il 3 febbraio, quando la sorella maggiore della vittima aveva chiamato la madre: “Mamma, corri, un uomo sta picchiando Thembi”, ricorda la donna.

Le due ragazze erano allo stand di carne gestito dalla loro famiglia, vicino casa.

“Sono corsa lì immediatamente” ha raccontato la madre al giornale GoundUp. La figlia stava piangendo ed era circondata dai passanti. “Mi ha detto che un uomo ubriaco, che vive nel quartiere, le si era avvicinato e le aveva palpato il seno. Quando lei lo ha spinto via, lui l’ha schiaffeggiata. L’uomo è corso via quando le persone si sono avvicinate”.

“La polizia è arrivata sulla scena, gli ho detto di cercare l’uomo nel quartiere ma mi hanno risposto che non ci sono riusciti. I poliziotti mi hanno poi detto di andare alla stazione della polizia con le mie figlie la sera tardi per aprire il caso”.

“Come possono pensare che una donna sola con delle ragazze possa attraversare i binari alle 10 di notte?” Secondo la donna i poliziotti avrebbero dovuto scortarle per garantire la loro sicurezza.

La madre ha quindi accompagnato la figlia alla stazione di polizia il giorno dopo per sporgere denuncia.

Una volta lì, hanno atteso il loro turno in una sala piena di gente. Con loro, c’erano anche i tre poliziotti che erano in servizio la notte prima e che sapevano perché la donna e la figlia erano lì.

Avrebbero dovuto aprire la sala dedicata alle vittime di violenza e farle attendere lì, secondo quanto racconta la madre.

“Mentre aspettavamo l’arrivo di un ispettore dell’Unità sulla violenza contro la famiglia, protezione dei minori e violenze sessuali, un vecchio ubriaco si è avvicinato e ha messo un braccio intorno a Thembi. Mia figlia si è spaventata e mi sono così arrabbiata che l’ho colpito”, ha raccontato la madre della ragazza.

L’uomo è stato allontanato dai poliziotti. Il comandante della stazione di polizia si è scusato per il trattamento che la donna e la figlia hanno ricevuto.

Thembi e sua madre sono supportate dall’organizzazione africana non governativa Women on Farms Project, che si occupa della tutela della dignità delle donne in Africa.

Mentre lavorava, la madre di Thembi ha riconosciuto l’uomo che aveva molestato la figlia per strada e ha chiamato la polizia.

L’uomo è stato arrestato sei giorni dopo il fatto ed è stato rilasciato dietro cauzione.

La ragazza ha cambiato scuola e raramente esce di casa da sola, spiega la madre.

A dicembre 2016 la ragazza ha raccontato per la prima volta alla madre di essere stata violentata nel 2013, quando aveva 10 anni. Lo stupratore era un conoscente della famiglia ed è stato arrestato a marzo del 2017.

È uscito dal carcere poco dopo dietro cauzione. Aveva già precedenti per stupro.