Me

Dormire dopo il suono della sveglia è un segno di intelligenza

Lo rivela uno studio britannico: silenziare la sveglia è indice di indipendenza e creatività, ed è legato ai ritmi di vita dei nostri antenati

Immagine di copertina

Mettere a tacere la sveglia e rituffarsi sotto le coperte. A chi non capita di farlo di tanto in tanto? Spesso questo “vizietto” rischia di farci arrivare tardi al lavoro e di causarci non pochi problemi con il capo.

Le persone che “silenziano” la sveglia, percependola come un mero disturbo al sonno, sono spesso etichettate come pigre e indisciplinate. Molti credono addirittura che dormire quei 10-20 minuti in più ogni mattina possa compromettere il ritmo cicardiano.

Eppure, dalla scienza arrivano buone notizie per i “dormiglioni”: restare a letto per un pisolino extra dopo il suono della sveglia sarebbe infatti sintomo di intelligenza, creatività e addirittura felicità. Chi salta giù dal letto al primo squillo, invece, ben lungi dal mostrare reattività, prontezze e determinazione, sarebbe semplicemente più infelice.

A rivelarlo uno studio britannico intitolato “Perché i nottambuli sono più intelligenti”, che collega il sonnellino alla creatività, all’intelligenza e allo spirito indipendente.

Gli autori, Satoshi Kanazawa e Kaja Perin,a sostengono che siamo molto più adatti a vivere (e dormire) come facevano i nostri antenati – il che significa andare dormire presto e alzarsi presto la mattina – e che adattare queste abitudini “ataviche” alla vita moderna è un segno di eccezionale intelligenza.

In parole povere, ciò significa che ci vuole intelligenza per gestire la sveglia silenziandola e concedendosi un riposo extra, perché la sveglia stessa è un’invenzione molto recente e l’evoluzione in teoria non ha preparato l’essere umano a questo cambiamento.

Detto ancora in altri termini: se impariamo ad ascoltare i bisogni del nostro corpo e non le regole che ci impongono gli orologi, siamo più propensi a perseguire le nostre passioni e trovare le soluzioni ai problemi. Questo ci rende più creativi e indipendenti.

Tutto questo sembra essere corroborato da un altro studio dell’Università di Southhampton, che ha confrontato le condizioni socioeconomiche di 1229 uomini e donne con i loro modelli di sonno: le persone che andavano a letto dopo le 23 e si alzavano dopo le 8 del mattino avevano un reddito maggiore e uno stile di vita più confortevole.

Sfortunatamente, ciò non significa che dovremmo passare tutto il tempo a letto. Mentre i nottambuli sono più felici e intelligenti, ci sono ancora significativi fattori di rischio associati al rimanere a letto troppo a lungo.

Le persone che trascorrono 12 o più ore a letto hanno dimostrato di registrare un rischio significativamente più alto di morte prematura.

Che conclusione dovremmo trarne? Forse che andare a letto un po’ più tardi e concedersi qualche minuto di sonno extra la mattina è salutare e aiuta il nostro spirito creativo, ma che non bisogna esagerare e trasformarsi in autentici dormiglioni, altrimenti ci manca il tempo di portare avanti quei progetti creativi di cui pure saremmo capaci.

Iniziare a lavorare prima delle 10 di mattina è una forma di tortura

Obbligare gli impiegati a iniziare il loro turno di lavoro prima delle ore 10 del mattino è una forma di tortura, e rende i lavoratori esausti, malati e stressati. Questo è quello che emerge da un altro studio accademico, svolto alla Oxford University.

Prima dei 55 anni, in effetti, l’orologio biologico delle persone non è affatto sincronizzato con l’orario continuato dalle 9 alle 17 e questo danneggia l’efficienza, l’umore, e la sanità mentale degli impiegati.

Come ha spiegato il professore della Oxford University, Paul Kelley, ci sarebbe bisogno di un enorme cambiamento sociale per spostare l’orario di inizio della scuola e del lavoro, sincronizzandolo con l’orologio biologico delle persone; ma i risultati degli studenti potrebbero migliorare del 10 per cento, così come l’efficienza di un impiegato migliora notevolmente quando segue un regolare ritmo del sonno.

Alcuni studi sul tema, hanno dimostrato che un bambino di dieci anni, per esempio, non riesce a concentrarsi sugli argomenti scolastici prima delle 8:30; un adolescente di 16 anni dovrebbe iniziare alle 10; e uno studente universitario alle 11, per sfruttare al meglio la propria efficienza e concentrazione.

“Questa è una grande questione sociale. Gli impiegati dovrebbero iniziare a lavorare alle 10 del mattino. Non si deve iniziare a un’ora simile (le 9) fino ai 55 anni. Di solito il personale è privato del sonno. Abbiamo una società privata del sonno”.

“È estremamente dannoso per il fisico perché in questo modo influenziamo il sistema immunitario ed emotivo. Il fegato e il cuore hanno ritmi diversi, ma gli chiediamo quotidianamente di anticiparli di due o tre ore. Questa è una questione internazionale. Tutti stanno soffrendo e non devono”.

“Non possiamo cambiare i ritmi delle 24 ore. Non puoi imparare ad alzarti in un dato momento. Il tuo corpo è in sintonia con la luce del sole e non ne sei consapevole”.

“Questo metodo si applica nel quadro generale delle carceri e degli ospedali. Svegliano le persone e gli danno cibo che non vogliono. […] La privazione del sonno è una tortura”, ha dichiarato il professor Kelley al British Science Festival di Bradford.

Campagna regione lazio

La privazione del sonno, in effetti, ha un forte impatto sulla salute: una sola settimana con meno di sei ore di sonno a notte porta ad almeno 711 cambiamenti nel funzionamento dei geni di una persona.

La mancanza di sonno inficia l’efficienza, l’attenzione, la memoria a lungo termine e incoraggia l’utilizzo di alcool e droghe. Porta inoltre a sentirsi esausti, ansiosi, frustrati, arrabbiati, impulsivi; causa un aumento di peso, pressione alta e basse difese immunitarie, stress e problemi di salute mentale.

I neuroscienziati affermano che gli adolescenti sono biologicamente predisposti per andare a dormire intorno a mezzanotte e non si sentono completamente svegli fino alle 10 di mattina.

A questo proposito, il professor Kelley ha detto che gli studenti perdono circa dieci ore di sonno a settimana a causa della sveglia impostata troppo presto.

Perché ci svegliamo sempre stanchi? | La sveglia futuristica che prepara il caffè quando suona | La guida definitiva per prepararsi agli esami | Perché riusciamo a svegliarci alla fermata giusta in metro

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook