Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Un ciclista belga di 23 anni è morto di infarto durante la Parigi-Roubaix

Michael Goolaerts aveva 23 anni: è caduto privo di sensi al chilometro 109

Immagine di copertina
I medici di gara tentano di rianimare Goolaerts. Credit: AFP PHOTO / Belga / DAVID STOCKMAN / Belgium OUT

La 116esima edizione della Parigi-Roubaix, che si è corsa domenica 8 aprile 2018, è stata segnata da una tragedia. Il ciclista belga Michael Goolaerts, 23 anni, è morto dopo essere stato colpito da un infarto durante la corsa.

Il giovane, che correva per il team belga Veranda’s Willems-Crelan, è caduto privo di sensi al chilometro 109. I medici di gara si sono subito resi conto della gravità della situazione e gli hanno praticato un massaggio cardiaco ai margini della carreggiata, anche con l’aiuto di un defibrillatore.

Goolaerts è stato trasportato in elicottero all’ospedale di Lilla, in Francia, la struttura più vicina adatta per il ricovero di una persona nelle sue condizioni. Il ciclista è morto qualche ora più tardi, intorno alle 22.40, nel reparto di Rianimazione.

Le autorità francesi hanno aperto un’inchiesta. Secondo i media belgi sono stati svolti accertamenti anche sul bus della Vérandas Willems-Crelan “per verificare lo stato delle biciclette”.

“È con una tristezza inimmaginabile che dobbiamo comunicare la morte del nostro corridore e amico Michael Goolaerts”, si legge in un tweet della squadra.

Il team ha detto che Goolaerts è morto “alla presenza dei suoi familiari e dei suoi cari, che teniamo nei nostri pensieri”.

 

David Lappartient, presidente dell’Unione ciclistica internazionale (Uci), l’organo di governo mondiale del ciclismo, ha dichiarato: “A nome dell’Uci e della famiglia ciclistica nel suo complesso, vorrei esprimere le mie più sentite condoglianze alla famiglia, alla squadra e ai cari di Michael Goolaerts, che ci ha lasciato troppo presto. Condividiamo la loro immensa tristezza”.

“In questa gara c’è stato un prima e un dopo la caduta di questo ragazzo”, ha detto Christian Prudhomme, direttore della Roubaix e del Tour de France.

Secondo le prime ricostruzioni dell’accaduto, i soccorsi dei medici sono arrivati dopo circa 2-3 minuti dalla caduta, mentre l’elicottero è giunto sul posto entro mezz’ora.

Con Goolaerts sale a sette il numero dei corridori belgi morti in gara o in allenamento. Nel marzo 2016 Daan Myngheer è morto a 22 anni per un problema cardiaco. L’anno precedente aveva corso per la stessa squadra di Goolaerts.

La Parigi-Roubaix è una delle più famose e storiche classiche del ciclismo. Si svolge ogni anno la seconda domenica di aprile.

È l’ultima delle cosiddette classiche del pavé: numerosi tratti del tracciato sono infatti pavimentati con cubi di porfido o ciottoli tondi che possono mettere in difficoltà i corridori.

Per la cronaca la 116 esima edizione della corsa è stata vinta dallo slovacco Peter Sagan, tre volte campione del mondo, che ha preceduto lo svizzero Silvan Dillier e l’olandese Niki Terpstra, fresco vincitore del Giro delle Fiandre.