Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Terrorismo, un minorenne italiano di origini algerine è stato accusato di aver diffuso messaggi pro-Isis su Telegram

Immagine di copertina
Trieste: un minorenne italiano di origini algerine accusato di terrorismo a Trieste

Un minorenne italiano di origini algerine è stato indagato per terrorismo poiché accusato di aver tradotto e diffuso messaggi di propaganda pro-Isis attraverso chat (e due canali Telegram) da lui stesso gestite, oltre ad aver cercato di convincere altre persone a compiere attentati in Italia.

A fermare il giovane sono stati gli uomini della sezione cyberterrorismo della polizia postale di Trieste con la collaborazione dei poliziotti delle Digos del capoluogo friulano e di Udine. L’attività di indagine, denominata ‘Ansar’, è stata avviata nel dicembre 2016 con l’obiettivo di identificare i membri del canale Telegram chiamato “Khilafah News Italia”.

Il sito era utilizzato per diffondere messaggi propagandistici dell’Isis provenienti dai canali di comunicazione ufficiali del sedicente Stato islamico in lingua araba e tradotti in italiano.

“Khilafah News Italia” era tra i principali veicoli di diffusione della propaganda jhiadista ed era rivolto soprattuto ai “lupi solitari” presenti in Italia, riferiscono i poliziotti che hanno portato avanti l’indagine.

L’operazione ‘Ansar’ è la prima di questo tipo che vede coinvolto un minore accusato di propaganda attraverso gli strumenti informatici.

La polizia e la procura dei minori di Trieste hanno fatto sapere che il giovane non è stato accusato di “cyber jihad”, per cui dovrà quindi seguire un percorso di recupero e di de-radicalizzazione con l’aiuto di un imam che amplierà la sua visione dell’islam.

Il minore infatti è stato accusato di istigazione a delinquere “per aver compiuto attività di proselitismo a favore dell’Isis mediante diffusione e traduzione di contenuti propagandistici, aggravata dal fatto che veniva compiuta attraverso strumenti informatici e telematici”.

All’interno delle chat di Telegram utilizzate dal minore, era possibile trovare domande come: “Salve, come faccio a far passare una cintura esplosiva attraverso le porte automatiche?”.

In questo articolo abbiamo fatto il punto sulla minaccia terroristica al nostro paese: perché proprio ora così tante minacce terroristiche all’Italia? Analisi di Giampiero Gramaglia, direttore di AffarInternazionali (IAI).