Me

Caivano, arrestato il pusher ripreso da Striscia la notizia

È stato arrestato dai carabinieri Gennaro Febbraio, uno dei pusher ripresi da Striscia la notizia durante un servizio anti droga a gennaio 2018 nella piazza di spaccio del Parco Verde di Caivano, vicino Napoli

Immagine di copertina
Carabinieri in azione nel comune di Caivano, vicino Napoli. Photo by Marco Cantile/NurPhoto

È stato arrestato dai carabinieri Gennaro Febbraio, uno dei pusher ripresi da Striscia la notizia durante un servizio anti droga a gennaio 2018 nella piazza di spaccio del Parco Verde di Caivano, vicino Napoli.

Durante l’intervento dei militari avvenuto la mattina del 6 aprile 2018, dai balconi dei palazzi circostanti sono stati lanciati secchi d’acqua per impedire l’arresto dello spacciatore.

Febbraio, 31 anni, per sfuggire alle manette ha aggredito i carabinieri con calci e pugni, dopo aver tentato di liberarsi di 36 dosi di cocaina e 5 di crack.

Il pusher, nonostante i tentativi per evitare di essere fermato, è stato comunque bloccato e arrestato.

Il servizio dell’inviato di Striscia la notizia, Vittorio Brumotti, era culminato con l’aggressione alla troupe televisiva da parte di 7/8 persone incappucciate, tra cui un bambino.

Gli aggressori hanno tentato di aprire le portiere dell’auto di Brumotti, minacciando lui e i suoi colleghi di morte.

Falliti i tentativi di aprire la macchina, hanno impugnato bastoni e una sedia con cui hanno danneggiato la carrozzeria e cercato di rompere i vetri, senza tuttavia riuscirci.

Intanto dalle finestre dei palazzi intorno si sentivano insulti e minacce di morte nei confronti dell’inviato del programma satirico e dei suoi collaboratori.

Per questa aggressione avvenuta lo scorso gennaio, i carabinieri avevano già arrestato una persona, denunciata un’altra e identificato un minore di 14 anni, che non è imputabile, che aveva scagliato una sedia contro l’auto di Striscia la notizia.

Questo video mostra il servizio anti spaccio realizzato da Vittorio Brumotti a Caivano e Scampia e l’aggressione alla sua troupe: