Me

In Arabia Saudita sarà aperto il primo cinema dopo 35 anni

Entro il 2030 saranno costruiti 350 cinema in tutto il paese. Il progetto fa parte del programma di riforme sociali ed economiche del principe ereditario bin Salman

Immagine di copertina

Il 18 aprile 2018 sarà inaugurato a Riad, capitale dell’Arabia Saudita, il primo cinema dopo 35 anni, secondo quanto riferiscono le autorità saudite.

Mercoledì 4 aprile è stato raggiunto un accordo con la catena di cinema americana AMC Entertainment Holdings per la costruzione di 40 sale nei prossimi cinque anni.

Il primo cinema sarà aperto nel distretto finanziario del re Abdullah, in un edificio inizialmente pensato come sala da concerti, spiega Adam Aron, direttore esecutivo della  AMC Entertainment.

La sala avrà 500 posti a sedere in pelle, balconate per il pubblico, uno spazio per l’orchestra e bagni in marmo. Inoltre, saranno aggiunti altri tre schermi per la metà dell’estate.

Nei cinema non ci saranno discriminazioni di genere come nella maggior parte dei luoghi pubblici del paese musulmano. Potranno accedervi sia donne che uomini contemporaneamente.

Il film di supereroi prodotto dalla Marvel “Black Panther” sarà il primo ad essere proiettato, riferiscono fonti vicine al governo saudita a Reuters.

Il clero saudita fece chiudere i cinema presenti in Arabia Saudita negli anni Settanta. Nel 2017 il governo aveva annunciato che avrebbe eliminato il divieto come parte di un programma di ambiziose riforme sociali ed economiche proposto dal principe Mohammed bin Salman.

Al momento, il principe ereditario si trova negli Stati Uniti in cerca di nuovi investimenti per diversificare l’economia dell’Arabia Saudita e renderla meno dipendente dal petrolio.

Nonostante il divieto imposto sui cinema, i prodotti di intrattenimento americani come i film di Hollywood e le serie televisive sono molto seguiti nel paese.

Il progetto della Casa Reale prevede l’apertura di circa 350 cinema in tutta l’Arabia Saudita per il 2030 per soddisfare una popolazione di più di 32milioni di persone, molte delle quali sotto i 30 anni. Si spera che la vendita annuale dei biglietti possa arrivare a un miliardo di dollari.

“La riapertura dei cinema incoraggerà l’economia locale aumentando la spesa nel settore dell’intrattenimento e sosterrà la creazioni di posti di lavoro nel Regno”, afferma in un comunicato ufficiale il ministro della Cultura e dell’informazione, Awwad Alawwad.

La AMC Entertainement è diventata partner del Fondo di investimenti pubblici dell’Arabia Saudita, ma anche altri operatori del mondo del cinema sono pronti ad entrare nel mercato saudita non appena avuta l’autorizzazione, spiega John Fithian, presidente dell’Associazione nazionale dei proprietari di teatri.

Fithian ha raccontato a Reuters di aver incontrato a dicembre alcuni rappresentanti del governo di Riad per sapere quali tipi di film possono essere trasmessi sugli schermi sauditi. La maggior parte dei prodotti di Hollywood dovrebbero essere accettati, sottolinea.

“Hollywood ha già trattato con le sensibilità del Medio Oriente e ha adattato i suoi film di conseguenza”, ha spiegato Fithian. “I più grandi studi di Hollywood stanno proiettando i loro film in tutto il Medio Oriente”.

La Six Flags Entertainment, la più grande catena di parchi divertimenti al mondo, ha fatto sapere che ha in programma la costruzione di un parco a tema a Riad. Il Cirque du Soleil invece sarà in Arabia Saudita il 23 settembre 2018, secondo quanto dichiara l’Autorità generale per l’intrattenimento.

Le donne in Arabia Saudita potranno guidare per la prima volta nella storia