Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Francia, sciopero di treni e aerei: sfida al presidente Macron

La protesta dei lavoratori di Sncf e Air France. Ecco cosa sta accadendo

Immagine di copertina
I lavoratori di Sncf protestano contro la riforma ferroviaria del presidente Macron. Credit: AFP PHOTO / PHILIPPE HUGUEN

Martedì 3 aprile 2018 in Francia è previsto un grande sciopero del settore trasporti. La mobilitazione coinvolge in particolare i lavoratori della compagnia ferroviaria pubblica Sncf e di Air France.

I primi protestano per la riforma ferroviaria voluta dal presidente francese Emmanuel Macron, mentre i secondi invocano un aumento salariale del 6 per cento.

I lavoratori incroceranno le braccia nell’ambito di una massiccia ondata di scioperi. Lo sciopero dei ferrovieri durerà 48 ore e proseguirà a ritmo di due giorni di stop su cinque da qui fino alla fine di giugno

Per i dipendenti di Air France, invece, quella del 3 aprile è la quarta mobilitazione in poco più di un mese, mentre altri tre scioperi sono già previsti per il 7, il 10 e l’11 aprile.

Sncf ha fatto sapere che la protesta interessa il servizio ferroviario in Francia e tra la Francia e l’Europa. Saranno operativi solo il 15 per cento dei treni ad alta velocità e il 25 per cento dei treni regionali.

Air France ha annunciato la cancellazione per il 3 aprile del 25 per cento dei voli previsti: in particolare, il 30 per cento dei voli a lunga distanza e il 33 per cento di quelli a medio raggio, che arrivano e partono dall’aeroporto Charles de Gaulle di Parigi, e il 15 per cento dei voli a corto raggio, dall’aeroporto di Orly verso altre destinazioni del paese.

I sindacati della Sncf protestano contro la riforma varata da Macron, che prevede tra le altre cose la soppressione delle assunzioni a statuto speciale e la trasformazione del gruppo in società per azioni: anche se il governo nega, i lavoratori temono che questo sia il primo passo verso la privatizzazione.

Il progetto di riforma, accusano i sindacati in una nota, “mira a distruggere il servizio pubblico ferroviario per puro dogmatismo ideologico” e “non risolverà né il problema del debito né quello delle disfunzioni”.

I ferrovieri contano di ottenere il consenso dell’opinione pubblica che, secondo i sondaggi, giudica lo stop ingiustificato ma potrebbe cominciare a vacillare se il governo non dovesse risolvere rapidamente la questione.

Da parte sua, Macron ha più volte sottolineato la necessità di modernizzare il settore e ricorda che far circolare un treno in Francia costa il 30 per cento in più che altrove.

Quanto ad Air France, i lavoratori chiedono un adeguamento salariale. La protesta non riguarda direttamente il governo, ma rischia di accrescere il malcontento dell’opinione pubblica.