Me

Usa, donna musulmana brutalmente picchiata in un ospedale: il video

L'aggressione è avvenuta in Michigan: un uomo ha colpito la donna più volte prima di essere fermato dalla sicurezza

Immagine di copertina

Una donna musulmana di 19 anni è stata aggredita da un uomo nel pronto soccorso dell’ospedale Beaumont della città di  Dearborn, in Michigan.

L’assalitore, un uomo di 57 anni di nome John Deliz, ha colpito la donna più volte prima di essere fermato dalla sicurezza.

L’uomo è stato arrestato e accusato di aggressione. La donna ha fatto causa all’ospedale, affermando che i pazienti non sono debitamente protetti.

L’ospedale ha invece dichiarato che il personale addetto alla sicurezza è intervenuto prontamente per fermare l’aggressore “e ha protetto la paziente e gli altri presenti nel pronto soccorso”.

L’aggressore stava vagando per la sala chiedendo alle persone in attesa delle sigarette. Lo staff dell’ospedale aveva chiesto all’uomo di aspettare senza disturbare  gli altri pazienti, secondo quanto riportato nel verbale della polizia.

“Quando ci rechiamo in ospedale, l’ultima cosa che ci aspettiamo è un colpo sulla testa da uno sconosciuto. C’è una lezione da imparare da quanto è accaduto. In una società civilizzata non puoi prendere a pugni qualcuno. Questo comportamento non può essere tollerato”, ha dichiarato l’avvocato della donna.

L’attacco potrebbe avere motivazioni religiose.

I crimini contro i musulmani sono aumentati del 67 per cento nel 2015, secondo una statistica rilasciata dal FBI. Inoltre, il numero di gruppi anti-musulmani è triplicato dal 2015 al 2016, riporta l’organizzazione legale americana Southern Poverty Law Centre.

QUI IL VIDEO DELLA SCIOCCANTE AGGRESSIONE (ATTENZIONE, IMMAGINI FORTI)