Me

È uscito il nuovo video di Ghali, Ricchi Dentro

Il rapper italo tunisino ha pubblicato il video del suo ultimo singolo Ricchi Dentro, diretto da Iacopo Carapelli e prodotto da prodotto da Filmmini della Filmmaster Productions

Immagine di copertina
È uscito il nuovo video di Ghali.

Ghali Amdouni (questo il nome completo) ha pubblicato un nuovo video del singolo Ricchi Dentro, diretto da Iacopo Carapelli e prodotto da Filmmini della Filmmaster Productions. E in poche ore ha già ottenuto quasi mezzo milione di visualizzazioni.

Qui avevamo raccontato Chi è Ghali, il rapper che ha realizzato il video musicale italiano più visto di sempre.

Ricchi Dentro insieme a Ninna nannaPizza kebabHappy DaysHabibiCara Italia, è uno dei brani che compongono “Album” prodotto con l’aiuto del genio del giovane produttore milanese Charlie Charles, che vanta già importanti collaborazioni con Marracash, Sfera Ebbasta e il rapper francese SCH.

Ghali, artista italo tunisino, è nato a Milano e cresciuto a Baggio, nella periferia del capoluogo lombardo, e questo suo mix di origini non manca di trasparire nelle sonorità delle sue tracce.

Figlio di genitori tunisini, è stato da sempre appassionato di musica, ed è entrato nella scena rap italiana a partire dal 2011, anche se a farlo conoscere dal grande pubblico era stato il suo primo singolo Ninna nanna, che aveva stabilito record di visualizzazioni, ottenendo il più alto numero di ascolti solo nel primo giorno di pubblicazione.

Il cantante si contraddistingue dagli altri rapper milanesi per la sua cultura multietnica e per il suo passato difficile: cresciuto in condizioni economiche certamente non rosee e discriminato per le sue origini, ha avuto la sola presenza di sua madre durante l’infanzia, poiché il padre era – ed è tutt’ora – in prigione, come lui stesso racconta nei suoi testi.

La trap di Ghali, influenzata dal rap francesce, con il quale ha avuto a che fare grazie alla collaborazione con l’artista franco algerino Lacrim, è cupa e profonda e prende spunto dalle storie di quotidiana emarginazione della periferia urbana.

Nelle dodici tracce che compongono la tracklist di “Album”, Ghali ricostruisce la sua vita fino ad ora e il suo passato.

“Album” è infatti un album decisamente introspettivo e autobiografico ma non rinuncia a coinvolgere le orecchie del pubblico toccando i temi e problematiche care ai giovani immigrati di seconda generazione.

Attraverso le veloci sonorità rap, al pop orecchiabile, alla trap cupa e alle influenze d’Oltralpe (che fanno pensare in particolare al belga Stromae), e, persino, ai ritmi neomelodici tradizionali nordafricani contenuti in AlbumRicchi Dentro parla di riscatto sociale, ed è, anche, una dedica alla madre con cui il rapper è cresciuto da piccolo.

Il testo

Papà come mi diverto 
è tanto che non ti sento 
mamma dai sincera ti aspettavi tutto questo? 
eravamo già ricchi dentro 
mio dio che bello dirti te l’avevo detto waa 
è tanto che non ti sento 
mamma dai sincera ti aspettavi tutto questo? 
eravam già ricchi dentro 
mio dio che bello dirti mio cuore

ero un vecchio farabutto 
quel ragazizno farà brutto 
il successo è come una Ferrari 
bisogna mantenere il turbo 
fatti strada e fatti furbo 
parli troppo fammi un riassunto 
anche quest’anno voto boh 
ai miei figli cosa dirò? 
dimmi qualcosa che non so 
tuo figlio in un reality show

papà come mi diverto 
è tanto che non ti sento 
mamma dai sincera ti aspettavi tutto questo? 
eravamo già ricchi dentro 
mio dio che bello dirti te l’avevo detto waa 
è tanto che non ti sento 
mamma dai sincera ti aspettavi tutto questo? 
eravam già ricchi dentro 
mio dio che bello dirti mio cuore

non sai quante ne ho passate mai tante 
ho sempre dovuto combattere highlander 
è il momento di togliersi le maschere 
è il momento di non battere le palpebre 
scusa chi sei come tu t’appeles? 
dov’eri quando non avevo tasche 
al mare mi facevo mille castelli 
in città mi son fatto mille vasche

casa nuova spacca tutto 
ma sulla vecchia non ci sputo 
l’unica che ho avuto anche se è un buco 
scusa ma non mangio prosciutto 
ma siamo in mano a dei maiali 
un buco in testa come tuco Salamanca 
grosso da farci entrare un bruco, una salamandra 
respirare bene è il trucco

papà come mi diverto 
è tanto che non ti sento 
mamma dai sincera ti aspettavi tutto questo? 
eravamo già ricchi dentro 
mio dio che bello dirti te l’avevo detto waa 
è tanto che non ti sento 
mamma dai sincera ti aspettavi tutto questo? 
eravam già ricchi dentro 
mio dio che bello dirti