Me
Alessandro Di Battista farà il reporter per il Fatto Quotidiano
Condividi su:
di battista magliette rosse
Alessandro Di Battista in piazza Monte Citorio. Credit: AFP

Alessandro Di Battista farà il reporter per il Fatto Quotidiano

di battista magliette rosse
Alessandro Di Battista in piazza Monte Citorio. Credit: AFP

In una legislatura in cui giornalisti come Emilio Carelli e Gianluigi Paragone sono diventati parlamentari grazie al Movimento Cinque Stelle, c’è stato chi ha fatto il percorso contrario, e non si tratta proprio dell’ultimo arrivato. Alessandro Di Battista aveva deciso di non ricandidarsi in parlamento in queste elezioni, annunciando che si sarebbe dedicato al figlio Andrea (nato lo scorso anno), alla scrittura e alle periferie del mondo.

Il 27 marzo, in un video accompagnato da un lungo testo in cui parla di diverse questioni, tra cui l’elezione di Roberto Fico a presidente della Camera, Di Battista ha annunciato l’inizio di una collaborazione con il Fatto Quotidiano e con la sua web tv, Loft.

Di Battista, insieme alla compagna Sahra e al figlio Andrea, partirà per l’America dove farà un lungo viaggio di sei mesi che racconterà attraverso il quotidiano e che toccherà sicuramente la California, il Messico e il Guatemala, uniche mete svelate.

“Potevo avere degli incarichi importanti in questa legislatura. Ma quando senti il richiamo, è più forte di te…” ha dichiarato Di Battista nel video riguardo il viaggio che si appresta a fare.

L’ormai ex deputato del Movimento Cinque Stelle ha sempre mostrato la sua passione per le Americhe, in modo particolare per l’America Latina. Già nel 2010 ha svolto un viaggio che ha toccato numerosi paesi dell’area, replicandolo nel 2012 per scrivere il libro “Sicari a cinque euro”, sul tema dei sicari e sulle possibili soluzioni al problema, pubblicato da Adagio, casa editrice della società Casaleggio Associati.

Alessandro Di Battista è nato a Roma nel 1978 e ha ricoperto l’incarico di deputato per il Movimento Cinque Stelle nella XVII legislatura dopo essere stato eletto alle elezioni del 2013.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus