Me

Francia | Attentato Trèbes: è morto il poliziotto Arnaud Beltrame, “caduto da eroe “

Immagine di copertina
Il poliziotto "caduto da eroe" nell'attentato di Trèbes, sud della Francia.

Un poliziotto francese è morto per le ferite riportate in seguito all’attentato di venerdì 23 marzo a Trèbes, nel sud della Francia, rivendicato dall’Isis.

L’uomo, Arnaud Beltrame, di 45 anni, si era offerto come ostaggio al posto di una donna nel corso di una situazione con ostaggi in un supermercato francese.

Con il suo gesto, il gendarme aveva portato alla fine dell’attacco che ha causato la morte di 4 persone, compreso l’attentatore, il marocchino Redouane Lakdim, poi ucciso dalle forze di sicurezza francesi.

Beltrame è “caduto da eroe“, ha detto il presidente francese Emmanuel Macron. Anche il ministro dell’Interno francese Gérard Collomb ha elogiato il poliziotto, dichiarando che la Francia non dimenticherà mai il suo atto d’eroismo.

Cosa sappiamo sull’attentato a Trèbes del 23 marzo, rivendicato dall’Isis

Venerdì 23 marzo 2018, Redouane Lakdim, 26 anni, marocchino, si è barricato in un supermercato di Trebes, nel sud della Francia, prendendo in ostaggio diverse persone.

L’uomo, che ha rivendicato la propria appartenenza all’Isis, è stato ucciso dopo circa quattro ore dalle forze speciali intervenute sul posto.

Il bilancio finale dell’attentato è di quattro vittime, compreso il terrorista, e tre feriti.

La ricostruzione dei fatti 

Tutto è iniziato intorno alle 10.00, quando Lakdim ha rubato un’automobile nella vicina città di a Carcassonne. Il marocchino ha sparato al conducente della macchina, ferendolo, e al passeggero a bordo, uccidendolo. Il corpo della vittima è stato nascosto in un cespuglio sul lato della strada.

Mentre viaggiava a bordo dell’auto rubata, il terrorista ha sparato contro un poliziotto che faceva jogging con i colleghi. Nella sparatoria un agente è rimasto ferito a una spalla.

Intorno alle 11.15 Lakdim ha raggiunto il supermercato di Trebes, barricandosi all’interno con gli addetti del negozio e i clienti che in quel momento vi erano dentro.

La polizia ha immediatamente circondato l’edificio e il marocchino ha rivendicato la propria appartenenza all’Isis, dicendo di voler vendicare la Siria. L’uomo avrebbe anche urlato: “Allah è grande” e avrebbe chiesto il rilascio di Salah Abdeslam, l’unico superstite del commando terrorista responsabile degli attentati a Parigi del 13 novembre 2015, attualmente il detenuto più custodito in Francia.

Mentre era barricato all’interno del supermercato il terrorista ha ucciso due ostaggi. Dopo circa due ore gli altri ostaggi sono usciti e l’attentatore è rimasto all’interno de negozio con un poliziotto.

Sul posto è arrivata anche la madre di Lakdim, rintracciata dalla polizia, allo scopo di tentare una mediazione.

Intorno alle 14.00 è scattato un blitz delle forze speciali, che hanno ucciso l’attentatore. Nell’operazione un agente è rimasto ferito.

Il ministro degli Interni francese, Gérard Collomb, ha spiegato che Lakdim era un soggetto già noto alle forze dell’ordine per atti di microcriminalità, ma ha smentito che si trattasse di un soggetto che avesse manifestato rischi di radicalismo islamico.

Poco prima delle 16.00 l’Isis ha rivendicato l’attentato: “L’uomo che ha guidato l’attacco Trebes, nel sud della Francia, è un soldato dello Stato Islamico, che ha agito in risposta alla chiamata” dell’organizzazione contro “i paesi membri della coalizione internazionale”, ha dichiarato il gruppo jihadista attraverso l’agenzia di stampa Amaq.