Me

Almeno 36 morti per un attacco dell’Isis a Damasco

Almeno 36 combattenti appartenenti alle milizie filo-governative siriane sono rimasti uccisi nella notte in un distretto di Damasco dopo l'offensiva di un gruppo armato affiliato al sedicente Stato Islamico

Immagine di copertina
Foto di repertorio di Damasco, Siria. Credit: dolu Agency

A seguito di un attacco a sorpresa condotto nella notte tra il 19 e il 20 marzo da parte di un gruppo armato affiliato al sedicente Stato Islamico, almeno 36 combattenti appartenenti alle milizie filo-governative siriane sono rimasti uccisi in un distretto di Damasco – Qadam, in Siria.

Il numero esatto delle vittime tra i miliziani dell’Isis non è stato ancora confermato dall’Osservatorio siriano per i diritti umani che ha riportato la notizia.

Il governo di Damasco non ha ancora commentato l’accaduto.

Secondo Rami Abdel-Rahman, direttore dell’ong, l’Isis ha lanciato l’offensiva dal distretto di Hajar al-Aswad, adiacente a quello dove è avvenuto l’attacco.

Qadam si trova nella parte meridionale di Damasco e ha ospitato per diversi anni una serie di gruppi ribelli e di estremisti islamici, tra cui l’Isis e l’ex ramo siriano di al-Qaeda, Hayat Tahrir al-Sham.

La settimana scorsa, centinaia di combattenti di quest’ultimo gruppo armato sono stati evacuati dalla zona in base a un accordo concluso con il governo di Damasco, che ha garantito loro e ai loro familiari un passaggio sicuro per la provincia settentrionale di Idlib.

Leggi anche: SPECIALE: Guerra in Siria