Me
Cambridge Analytica, Zuckerberg convocato dal parlamento britannico
Condividi su:
Cambridge Analytica Zuckerberg parlamento
Mark Zuckerberg ha fondato Facebook nel 2004

Cambridge Analytica, Zuckerberg convocato dal parlamento britannico

L'amministratore delegato di Facebook sarà interrogato sull'uso dei dati personali degli utenti

20 Mar. 2018
Cambridge Analytica Zuckerberg parlamento
Mark Zuckerberg ha fondato Facebook nel 2004

Il fondatore e amministratore delegato di Facebook, Mark Zuckerberg, è stato convocato da una commissione del Parlamento del Regno Unito che lo interrogherà sull’uso dei dati personali da parte di Cambridge Analytica.

La società di consulenza politica con sede nel Regno Unito, legata all’ex consigliere di Trump, Steve Bannon, è accusata di aver utilizzato i dati di 50 milioni di utenti del social network per influenzare le elezioni presidenziali americane del 2016.

Il parlamentare britannico Damian Collins, presidente della commissione di inchiesta sulle fake news, ha accusato Facebook di aver “ingannato” la commissione.

Nella lettera, afferma: “Ora è tempo di sentire da un dirigente di Facebook senior con l’autorità sufficiente per fornire un resoconto accurato di questo catastrofico fallimento del processo”, ha scritto Collins nella lettera con cui ha convocato Zuckerberg.

“La commissione ha ripetutamente chiesto a Facebook come le aziende acquisiscono e trattengono i dati degli utenti, e in particolare se i dati sono stati presi senza il loro consenso”, ha scritto il parlamentare. “Le risposte dei funzionari hanno costantemente sottovalutato questo rischio e sono state fuorvianti per la commissione”.

Collins ha chiesto una risposta alla sua richiesta entro il 26 marzo.

Oggi, martedì 20 marzo, il responsabile per la sicurezza di Facebook, Alex Stamos, si è dimesso in polemica con i vertici della digital company.

Intanto, il Garante britannico per l’informazione, Elizabeth Denham, ha dichiarato che farà richiesta al tribunale per un mandato di perquisizione negli uffici di Cambridge Analytica.

L’azienda nega qualsiasi illecito e insiste nel dire di aver seguito le procedure corrette per ottenere e utilizzare i dati, ma è stata sospesa da Facebook la scorsa settimana.

L’emittente televisiva britannica Channel 4 ha trasmesso alcuni filmati girati con telecamere nascoste in cui l’amministratore delegato di Cambridge Analytica, Alexander Nix, sembra suggerire tattiche che la sua compagnia potrebbe utilizzare per screditare i politici online.

Il manager è stato avvicinato da un reporter sotto copertura che si è presentato come l’emissario di un cliente facoltoso che sperava di ottenere un candidato politico eletto nello Sri Lanka

Nel filmato, Nix suggerisce che un modo per colpire un individuo è quello di “offrirgli un accordo troppo bello per essere vero e assicurarsi che sia registrato su video”.

Ha anche detto che potrebbe “mandare alcune ragazze in giro per la casa del candidato …” aggiungendo che le ragazze ucraine “sono molto belle”.

“Ti sto solo dando degli esempi su cosa si può fare e su cosa è stato fatto”, ha aggiunto il manager.

Cambridge Analytica ha replicato sostenendo che sono state “travisate in modo grossolano” le conversazioni rilevate dalla telecamera.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus