Me
Uber, auto a guida autonoma investe e uccide una donna
Condividi su:
uber auto guida autonoma uccide donna
Dopo l'incidente Uber ha sospeso i test sulle auto a guida autonoma

Uber, auto a guida autonoma investe e uccide una donna

L'incidente è avvenuto a Tempe, in Arizona. Si tratta della prima vittima di un incidente stradale causato da un veicolo senza guidatore. Uber ha reso noto di aver sospeso i test delle auto a guida autonoma

19 Mar. 2018
uber auto guida autonoma uccide donna
Dopo l'incidente Uber ha sospeso i test sulle auto a guida autonoma

A Tempe, in Arizona, una donna ha perso la vita dopo essere stata investita da un’auto a guida autonoma di Uber.

Si tratta della prima vittima di un incidente stradale causato da un veicolo senza guidatore.

Appresa la notizia, Uber ha reso noto di aver sospeso i test delle sue auto a guida autonoma a Tempe, Pittsburgh, San Francisco e Toronto, in Canada.

L’incidente è avvenuto nella prima mattina di oggi, lunedì 19 marzo 2018, nei pressi di Mill Avenue e Curry Road.

La donna stava attraversando la strada fuori dalle strisce pedonali.

Secondo quanto riferito dalla polizia di Tempe, a bordo dell’auto di Uber c’era un operatore, ma il veicolo era in modalità autonoma.

La donna è stata portata all’ospedale dove è morta in seguito alle ferite riportate.

L’identità della vittima al momento non è ancora stata resa nota.

Uber è intervenuta con un tweet: “I nostri cuori si rivolgono alla famiglia della vittima. Stiamo collaborando pienamente con la polizia di Tempe e le autorità locali che indagano su questo incidente”.

Nel 2017 un guidatore rimase ucciso mentre utilizzava la modalità semi-autonoma durante un test di Tesla.

Le indagini stabilirono che la vittima aveva ignorato almeno sette avvisi di sicurezza e che aveva tenuto le mani sul volante per il 90 per cento del tempo di guida.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus