Me

In Groenlandia sono stati scoperti i fossili di antichi mostri marini

Alcuni ricercatori dell'Università di Copenhagen hanno scoperto nel nord della Groenlandia 15 cervelli fossilizzati di antichi mostri marini

Immagine di copertina
L'interpretazione di un'artista del Kerygmachela kierkegaardi, il mostro marino. Credit: Rebecca Gelernter

Il mostro di Loch Ness, il Leviatano, il Kraken: le leggende e la mitologia abbondano di spaventose e terribili creature che vivono sott’acqua e riemergono, di tanto in tanto, dagli abissi.

E seppure spesso siano solamente frutto di fantasia, i mostri marini hanno sempre suscitato una sensazione di terrore negli esseri umani, anche a causa della poca conoscenza che si ha dell’abisso.

Venerdì 9 marzo 2018, il giornale Nature Communications ha diffuso lo studio condotto dall’Università di Copenhagen sul ritrovamento di fossili appartenuti a veri e propri mostri marini.

La scoperta è stata fatta nel nord della Groenlandia, dove sono stati rinvenuti 15 cervelli fossilizzati di un predatore marino, risalenti a 520 milioni di anni fa.

Il nome della creatura è Kerygmachela kierkegaardi, ed era un bizzarro animale acquatico dalla forma ovale, che aveva due lunghe antenne sulla sua testa, undici pinne su ciascun lato e una coda molto sottile.

Il punto fondamentale della scoperta non è stata tanto l’esistenza di una simile creature, ma la possibilità di analizzarne il cervello, per capire in che modo i cervelli antichi si siano evoluti nei complessi centri di comando che sono oggi.

Il cervello del Kerygmachela kierkegaardi, il più antico mai studiato, è risultato essere lungo circa 25 centimetri, e molto meno complesso, non solo del cervello umano, ma anche di quello degli antenati animali studiati finora.

E la scoperta è interessante dal momento che, fino ad oggi, molti ricercatori pensavano che l’antenato comune di tutti i vertebrati e degli artropodi avesse un cervello complesso, simile a quello odierno.

Un’analisi anatomica ha inoltre mostrato che i nervi del cervello del K. kierkegaardi arrivavano fino ai grandi occhi della creatura che, essendo di considerevoli dimensioni gettano anche luce sull’evoluzione degli artropodi.

Gli occhi del K. kierkegaardi sono una via di mezzo tra gli occhi semplici degli antenati più lontani, e gli occhi molto, molto complessi di artropodi.

Quelli recentemente ritrovati sono i primi cervelli fossili conosciuti, e trovati in questo sito. E, grazie a questa scoperta, è stato possibile scoprire che i cervelli e i sistemi nervosi fossilizzati sono più comuni di quanto si creda.

Le teorie di Stephen Hawking spiegate in maniera semplice | Una nuova scoperta fossile in Israele potrebbe riscrivere la storia dell’evoluzione umana | È stato progettato un anticorpo in grado di sconfiggere il 99 per cento del virus Hiv | La causa dei tic nervosi scoperta da due ricercatori italiani

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook