Me
USA, guadagni per 80 miliardi grazie alla vendita di armi nel primo anno di Trump
Condividi su:
usa armi guadagni
Donald Trump. Credit: Afp photo / Nicholas Kamm

USA, guadagni per 80 miliardi grazie alla vendita di armi nel primo anno di Trump

È quanto emerge da un rapporto pubblicato l'8 marzo 2018 dal programma Security Assistance Monitor (Sam) del Center for International Policy, che confronta i dati dell'amministrazione Trump con quelli dell'era Obama

08 Mar. 2018
usa armi guadagni
Donald Trump. Credit: Afp photo / Nicholas Kamm

Durante il primo anno dell’amministrazione Trump, sono stati oltre 80 i miliardi di dollari ricavati dalla vendita di armi da parte degli Stati Uniti notificati al Congresso.

È quanto emerge da un rapporto pubblicato l’8 marzo 2018 dal programma Security Assistance Monitor (Sam) del Center for International Policy.

Gli 82,2 miliardi di dollari complessivi fatti registrare nell’era Trump superano i 76,5 miliardi di dollari dell’amministrazione Obama del 2016.

Una delle differenze maggiori nella vendita di armi da parte degli Stati Uniti nel 2017 rispetto agli anni precedenti è rappresentata dal tipo di forniture offerte.

La maggior parte degli incassi durante l’ultimo anno dell’amministrazione Obama è stata dovuta alla vendita di aerei militari.

Al contrario, la più grande categoria di offerte di vendita di armi sotto l’amministrazione Trump sono state bombe e missili, a seguito di importanti accordi di difesa missilistica raggiunti con Arabia Saudita, Polonia, Romania, Giappone e Emirati Arabi Uniti.

Nel complesso, l’amministrazione Trump ha proposto al congresso 40 notifiche in questo ambito, che ha portato a un aumento del 30 per cento dei ricavi rispetto al 2016.

Nel 2017, l’amministrazione Trump ha revocato le sospensioni volute da Obama su specifici accordi sulla vendita di armi con all’Arabia Saudita, al Bahrein e alla Nigeria.

“La vendita di missili e bombe all’Arabia Saudita, nel momento in cui quel paese stava usando queste armi per attaccare la popolazione civile nello Yemen, ha inviato un segnale allarmante sul rispetto degli Stati Uniti nei confronti dei diritti umani”, ha detto Colby Goodman, direttore del Sam e autore del rapporto.

Una delle ragioni principali per cui Trump ha promosso la vendita di armi nel 2017 è stata la “creazione di posti di lavoro”, come ha detto il presidente durante una visita in Arabia Saudita nel maggio 2017.

Tuttavia, l’amministrazione Trump ha approvato anche 16 accordi nel 2017 e otto nel gennaio 2018 per aiutare paesi stranieri a creare posti di lavoro nel settore della produzione di armi nei loro paesi.

“Questa non è la politica economica ‘America First’ che è stata propagandata dall’amministrazione Trump”, osserva William D. Hartung, l’autore di un altro rapporto, intitolato Trends in US Arms Sales 2017, che mostra un confronto tra l’operato delle amministrazioni di Obama e Trump.

“Queste offerte potrebbero anche ridurre i posti di lavoro negli Stati Uniti in futuro con una maggiore concorrenza proveniente da oltreoceano”, ha dichiarato Hartung.

Questo rapporto è stato reso possibile grazie al miglioramento della trasparenza delle notifiche di vendita di armi negli Stati Uniti negli ultimi anni.

Ma se alcuni metodi di trasparenza riguardo alla vendita di armi sono in aumento, i controlli sulle esportazioni potrebbero diminuire, con l’amministrazione Trump che cerca di ridurre le restrizioni sulle esportazioni di armi da fuoco, compresa la rimozione delle notifiche al Congresso.

Nel 2017, l’amministrazione Trump ha inviato notifiche di vendita di armi da fuoco al Congresso per 25 diversi paesi, compresi Bahrain, El Salvador, Honduras, Turchia e Emirati Arabi Uniti, dove si verificano maggiori rischi per i diritti umani.

“Il Congresso ha svolto un ruolo chiave nel fermare le discutibili vendite di armi da fuoco all’estero negli ultimi anni”, ha affermato Colby Goodman.

I primi dieci destinatari delle notifiche sulle vendite di armi da parte degli Stati Uniti nel 2017 erano in ordine: Arabia Saudita, Polonia, Giappone, Canada, Romania, Bahrain, Australia, Emirati Arabi Uniti, Grecia e Singapore.

Un ordine assai diverso rispetto a quello del 2016 che vedeva in ordine Qatar, Kuwait, Giappone, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Regno Unito, Iraq, Australia, Norvegia e Germania.

Altre importanti offerte di vendita di armi sotto la categoria missili e bombe sono state rivolte a Bahrain, Kuwait, Singapore, Corea del Sud e Taiwan.

L’amministrazione Trump ha proposto la vendita di circa 952 milioni di dollari in missili e torpedo per Taiwan nel 2017, per aiutare il paese a contrastare le minacce provenienti dalla Cina.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus