Me
Chi è Carlo Calenda, e perché ha deciso di iscriversi al Pd
Condividi su:
carlo calenda

Chi è Carlo Calenda, e perché ha deciso di iscriversi al Pd

L'attuale ministro dello Sviluppo economico è molto stimato dalla dirigenza del partito, e c'è addirittura chi lo vede come prossimo segretario dopo le dimissioni di Renzi

carlo calenda

Martedì 6 marzo 2018 Carlo Calenda, attuale ministro dello Sviluppo Economico, ha annunciato la sua volontà di iscriversi al Pd.

Questo il post che il ministro ha scritto su Twitter:

Calenda ha voluto quindi rimarcare come, proprio in un momento di estrema difficoltà per il Pd, uscito con le ossa rotte dalle elezioni politiche del 4 marzo, la sua scelta sia quella di aderire ad un progetto che necessita di un rilancio immediato.

Il ministro, quindi, che non era candidato alle elezioni, ha scelto di scendere in campo in prima persona impegnandosi all’interno del partito, dopo che, nella legislatura in corso, aveva operato come ministro del governo senza un’adesione diretta al Pd.

La scelta di iscriversi al partito ha suscitato subito l’entusiasmo di molti dirigenti dem, primo fra tutti il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, che ha ringraziato Calenda con un tweet:

Anche Matteo Richetti, deputato del Partito Democratico e figura vicina al segretario neo-dimissionario Matteo Renzi, ha manifestato apertamente il suo entusiasmo per la scelta di Calenda:

Un coro di elogi e di ringraziamenti, quello piovuto sulla testa del ministro da parte degli esponenti del Partito Democratico, che può essere interpretato in vari modi.

C’è sicuramente la stima per un figura molto apprezzata, che ha lavorato in maniera incisiva prima come vice-ministro dello Sviluppo economico (dal 2013 al 2016) e poi come ministro dello stesso dicastero.

Ma in una fase turbolenta come quella che sta attraversando il Pd, naufragato ai minimi storici alle ultime elezioni e in cerca di nuove figure che possano rimpiazzare la leadership ormai al tramonto di Matteo Renzi, la tempistica della scelta di Calenda e l’entusiasmo suscitato nei big del partito potrebbero rappresentare indizi da non sottovalutare in vista del prossimo congresso dei dem.

Anche Maurizio Martina, vicesegretario del pd e candidato in ticket con Renzi alle ultime primarie del partito, ha mostrato la sua soddisfazione per l’ingresso di Calenda tra le fila dei democratici:

Chi è Carlo Calenda

Figlio della regista Cristina Comencini e nipote di Luigi Comencini, Carlo Calenda, con i suoi 44 anni, è uno dei volti giovani della politica italiana.

Laureato in Giurisprudenza a Roma, prima di intraprendere la carriera politica ha lavorato in diverse aziende, tra cui la Ferrari e Sky, dove ha ricoperto il ruolo di responsabile dell’area marketing.

Approdato a Confindustria nei primi anni 2000, ha lavorato come assistente di Luca Cordero di Montezemolo, per poi occuparsi dei rapporti internazionali dell’associazione.

Proprio il legame professionale con Montezemolo ha dato il via all’impegno politico di Calenda, che è diventato coordinatore di Italia Futura, associazione fondata nel 2009 da Montezemolo.

Nel 2013 si è candidato alle elezioni con Scelta Civica, ma non è stato eletto in parlamento. Nonostante questo, Enrico Letta lo ha nominato vice-ministro dello Sviluppo economico.

Nel 2016, Matteo Renzi lo ha nominato ministro dello stesso dicastero, carica confermata da Paolo Gentiloni.

Calenda aveva manifestato la sua intenzione di far parte del Pd già dal 2015, senza però mai rendere effettiva questa sua volontà.

Inoltre, la decisione di non candidarsi a queste ultime elezioni sembrava confermare la volontà di non rendersi protagonista attivo all’interno di un partito.

Come ministro dello Sviluppo economico, Calenda ha gestito numerosi dossier spinosi, tra cui il caso recente della Embraco, l’aziena brasiliana che si occupa di forniture per l’industria della refrigerazione e che ha manifestato l’intenzione di chiudere il suo stabilimento di Riva di Chieri (Torino), in Italia, per trasferirsi in Slovacchia.

La decisione dell’azienda ha messo a rischio centinaia di posti di lavoro e ha aperto un contenzioso che ha coinvolto anche l’Unione europea.

Proprio nell’ambito di questa vicenda, Calenda è stato protagonista di accesi scontri con esponenti di altri partiti, in particolare con Alessandro Di Battista del Movimento Cinque Stelle.

In un video diventato virale, Calenda, ai microfoni di La7, ha espresso parole durissime nei confronti di Salvini e dello stesso Di Battista, definiti “cialtroni” che si scattano i selfie fuori dalle fabbriche mentre lui cerca di risolvere le crisi:

 

 

In generale Calenda, nel corso degli ultimi mesi, è sempre più apparso agli occhi dei dirigenti e dei militanti del Pd come persona di grande competenza ed efficacia, nonché in grado di incarnare un serio spirito riformista.

Proprio per il suo stile diretto e schietto,  Calenda è diventato anche una sorta di “picconatore” dei populisti, ruolo che lo ha reso sempre più popolare tra simpatizzanti ed elettori del Partito Democratico.

Calenda nuovo segretario del Pd?

Con queste premesse, è evidente come in molti stiano pensando al ministro dello Sviluppo economico come possibile successore di Renzi alla segreteria del partito.

Calenda si è espresso con forza contro ogni ipotesi di accordo di governo tra i dem e il Movimento Cinque Stelle.

A differenza di Renzi, però, in questi ultimi giorni il ministro ha fatto opera di autocritica rispetto all’operato del governo, delineando su Twitter anche alcune “linee guida” rispetto al modo in cui il Pd dovrà cercare di lavorare da qui in avanti:

 

La corsa alla segreteria del Pd, in ogni caso, si preannuncia lunga e complessa, sempre ammesso che Calenda voglia realmente candidarsi per questa carica.

Di sicuro, l’entusiasmo suscitato tra i dirigenti dem per la sua iscrizione al partito testimonia della grande credibilità di cui gode il ministro dello Sviluppo economico, un capitale politico che lo porterà quasi certamente a rivestire un ruolo di primissimo piano nel Pd che verrà.

Leggi anche: Elezioni 2018: il testo integrale del discorso-dimissioni di Renzi

Leggi anche: Renzi si è dimesso da segretario del Pd

Leggi anche: La sinistra è morta

Leggi anche: Tutte le bufale circolate sulle elezioni politiche del 4 marzo

VAI ALLO SPECIALE ELEZIONI POLITICHE ITALIANE 2018 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus