Me
“Se siamo messi così, posso candidarmi anch’io”: l’impietosa analisi del comico John Oliver sulle elezioni italiane
Condividi su:

“Se siamo messi così, posso candidarmi anch’io”: l’impietosa analisi del comico John Oliver sulle elezioni italiane

In una puntata del famoso show “Last Week Tonight”, andata in onda domenica 25 febbraio sulla Hbo, il comico britannico ha analizzato satiricamente la situazione italiana alla vigilia delle elezioni

27 Feb. 2018

“Se in Italia siamo messi così potrei candidarmi anch’io”: è questa l’analisi impietosa realizzata da John oliver, comico britannico conduttore di un famoso programma televisivo negli Usa dal nome “Last Week Tonight”.

Nello show, in onda sul canale Hbo, il comico ha – come sua abitudine – satiricamente attaccato e analizzato il potere nelle sue vesti politiche.

Nella puntata di domenica 25 febbraio, Oliver ha ironizzato sulla campagna elettorale italiana, commentando il nostro paese a pochi giorni dalle elezioni.

Il comico non ha risparmiato la solita carrellata di luoghi comuni sull’Italia: dalle immagini di un piatto di spaghetti, poi il Colosseo, il David di Michelangelo, Mussolini col fez, e una Vespa in canottiera.

Ma John Oliver ha voluto anche analizzare, candidato per candidato, il passato e il presente dei possibili “nuovi” governanti.

Si va da Renzi e Salvini ripescati nei loro anni giovanili, il primo a una puntata di “La ruota della fortuna”, il secondo a una de “Il pranzo è servito”, a Berlusconi, passando per Grillo e Di Maio.

Matteo Renzi viene raccontato sia nelle dichiarazioni cui augura “buona fortuna all’Italia”, e poi paragonato a un pilota d’aereo che parla con calma al microfono mentre dalle ali del velivolo esce del fumo inquientante.

E sempre su Renzi si tira fuori una puntata della “Ruota della Fortuna”, quella in cui il candidato PD sbaglia clamorosamente una soluzione praticamente già scritta sul tabellone che fa partire dal pubblico il coro dei “buuu”.

Si passa poi a Luigi Di Maio del M5S, che viene prima raccontato attraverso un paio di affermazioni ambigue sul tema dei migranti (tra cui la celebre “ONG taxi del mare”), poi paragonato a Frankie Muniz, un attore e cantante molto famoso negli Usa.

Non può mancare un corposo passaggio su Matteo Salvini e Silvio Berlusconi. Il leader della Lega Nord viene mostrato anch’esso da ragazzo mentre partecipa al quiz “Doppio Slalom”, ma anche ad un’altra gara tv dove impacciato indossa ai piedi enormi scatoloni di cartone.

Del Cavaliere vengono elencate alcuni famosi scandali come il “Bunga Bunga”, il lettone dono di Putin, le donne trattate come “pezzi di carne”.

Ma nell’intervento del comico c’è spazio anche per un’analisi politica che sottolinea come in 70 anni l’Italia abbia cambiato governo 65 volte, nonché un’analisi economica dove l’Italia è seconda solo alla Grecia per debito pubblico.

Qui l’intervento integrale di John Oliver:

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus