Me
Perché questi tre paesi africani non importeranno più vestiti usati da Stati Uniti e Europa
Condividi su:
africa divieto vestiti occidente
Credit: Luka Storm / Cultura Creative

Perché questi tre paesi africani non importeranno più vestiti usati da Stati Uniti e Europa

Ruanda, Uganda e Tanzania sono i primi ad aver applicato questo divieto approvato dalla East African Community. Entrerà in vigore dal 1° gennaio 2019 al fine di sostenere l'industria tessile locale e aumentare l'esportazione

africa divieto vestiti occidente
Credit: Luka Storm / Cultura Creative

Tre paesi africani hanno deciso che non importeranno più scarpe e vestiti usati provenienti dagli Stati Uniti e dall’Europa.

Nel 2015 la East African Community (Comunità dell’Africa orientale) aveva deciso di vietare il commercio di abbigliamento usato importato dai paesi occidentali.

Ora Ruanda, Uganda e Tanzania sono i paesi in cui il divieto entrerà effettivamente in vigore dal 1° gennaio 2019 al fine di sostenere le proprie industrie tessili nella speranza che le fabbriche locali creino i posti di lavoro necessari e aumentino le esportazioni.

I tre paesi stanno però affrontando minacce di sanzioni commerciali da parte degli Stati Uniti che affermano che il divieto violerebbe gli accordi di libero scambio.

In particolare, il Ruanda è fermamente deciso a eliminare gli indumenti di seconda mano importati, aumentando le tariffe di importazione a più di 20 volte il tasso precedente nel tentativo di soffocare la fornitura e incoraggiare i commercianti a vendere prodotti locali.

Ma questa decisione ha diviso l’opinione pubblica e ha lasciato il piccolo paese dell’Africa orientale in una disputa commerciale con gli Stati Uniti.

In tutta l’ Africa, le spedizioni giornaliere di abbigliamento riciclato, inviate in gran parte da Stati Uniti, Regno Unito e Canada, alimentano un settore multimilionario che impiega migliaia di rivenditori locali che trasformano in profitto la rivendita degli articoli.

Ogni anno, gli Stati Uniti esportano circa 124 milioni di dollari di vestiti di seconda mano in questi tre paesi dell’Africa orientale e in media in tutta l’Africa orientale importa vestiti usati per 350 milioni di dollari, un fatturato che aumenta ogni anno del 60 per cento.

L’Africa sub-sahariana importa la maggior parte delle donazioni di abiti usati. E, l’anno scorso, secondo i dati delle Nazioni Unite, la Comunità dell’Africa orientale (EAC) ha importato abiti di seconda mano per un valore di valore di 151 milioni di dollari.

Il Ruanda ha compiuto enormi progressi economici negli ultimi 25 anni. Ma i funzionari sostengono che l’ubiquità dell’abbigliamento riciclato – noto come chagua – ha soffocato la crescita della nascente industria tessile e ha intaccato l’orgoglio nazionale.

“L’obiettivo è vedere molte più aziende che producono vestiti qui in Ruanda”, afferma Telesphore Mugwiza, funzionario del ministero del commercio e dell’industria del Ruanda.

“Si tratta anche di proteggere la nostra gente in termini di igiene. Se il Ruanda produce i suoi vestiti, la nostra gente non dovrà indossare magliette o jeans usati da qualcun altro. Le persone hanno bisogno di passare a [questo] tipo di mentalità. ”

“Le persone passeranno dall’usato ai vestiti nuovi. Ciò che cambierà è solo il tipo di prodotto ma non il business ” continua Mugwiza.

Ma i commercianti i cui mezzi di sostentamento dipendono dal commercio di vestiti usati dicono che le tasse più alte hanno già devastato le loro attività e che i nuovi capi non sono accessibili.

“Fare affari con abiti nuovi è molto costoso – troppo costoso per me”, dice Ibrahim, il cui reddito prevede una famiglia di sei persone. “Ma non faccio abbastanza soldi per vendere più vestiti usati. È complicato ora. Non so cosa farò”.

Oltretutto, all’inizio di quest’anno, l’Ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti ha minacciato di ritirare l’adesione del Ruanda, della Tanzania e dell’Uganda all’African Growth and Opportunity Act (AGOA, Patto africano per la crescita e le opportunità), un programma destinato a promuovere lo sviluppo economico e politico nell’Africa sub-sahariana.

In base all’accordo, i paesi che soddisfano determinati diritti umani e standard lavorativi sono esentati dai dazi degli Stati Uniti su migliaia di esportazioni tra cui petrolio, prodotti e abbigliamento.

Ma la Secondary Materials and Recycled Textiles Association (Smart), un’organizzazione commerciale con sede negli Stati Uniti che rappresenta dozzine di esportatori di abbigliamento di seconda mano, ha affermato che il divieto ha “imposto notevoli difficoltà” all’industria dell’abbigliamento usata dagli Stati Uniti in violazione delle norme di eleggibilità di Agoa.

L’associazione ha esercitato pressioni affinché il governo americano esaminasse l’ammissibilità dei paesi, sostenendo che il divieto mette in pericolo 40 mila posti di lavoro negli Stati Uniti.

“Siamo molto preoccupati se questo divieto rimarrà tale da creare un precedente per alcuni di questi altri paesi per dire, OK, loro hanno bandito i vestiti di seconda mano – forse dovremmo vietare anche i nostri…” dice Jackie King, l’esecutivo direttore di Smart.

“Non è bullismo” aggiunge “si tratta solo di convincerli a rispettare i termini dell’accordo”.

La Casa Bianca, che sotto Trump ha sostenuto una politica commerciale protezionista, ha infatti l’autorità di revocare lo stato di ammissibilità di un paese se la relazione non è più favorevole agli Stati Uniti.

Il presidente ruandese, Paul Kagame, era ottimista nella sua risposta alla minaccia statunitense “per quanto mi riguarda, compiere questa scelta è semplice”,  ha detto ai giornalisti lo scorso giugno “potremmo subire delle conseguenze. Ma anche di fronte a scelte difficili c’è sempre una soluzione”.

Funzionari della regione che sostengono il divieto dell’abbigliamento di seconda mano hanno accusato gli Stati Uniti di maneggiare l’accordo commerciale come un’arma.

“Politicamente, la [Comunità dell’Africa orientale] e gli Stati Uniti hanno avuto una lunga e fruttuosa relazione commerciale. Rispetto a questo, le importazioni di abbigliamento di seconda mano sono un problema insignificante” afferma Daniel Owoko, capo dello staff del segretario generale della Conferenza delle Nazioni Unite per il commercio e lo sviluppo.

“È sbagliato mettere a repentaglio le buone relazioni tra EAC e gli Stati Uniti, moralmente, i consumatori della EAC non dovrebbero essere puniti per i loro gusti in continua evoluzione e per la crescita della classe media”.

Nelle prossime settimane è prevista la decisione di rimuovere i paesi dall’accordo commerciale.

Sotto la pressione degli Stati Uniti, infatti, il Kenya ha abbandonato il suo sostegno alla decisione del divieto. Il paese dipende fortemente dall’Agoa: nel 2015 la maggiore economia dell’Africa orientale ha esportato vestiti per 380 milioni di dollari, la maggior parte dei quali è andata negli Stati Uniti.

Affermazioni respinte da Belinda Edmonds, direttrice dell’African Cotton and Textiles Industries (ACTI), associazione commerciale che raggruppa esponenti del settore del cotone e tessile di 24 paesi africani.

“La stragrande maggioranza dei capi di seconda mano importati da noi non sono neanche fabbricati negli Usa né hanno subito in quel paese processi di trasformazione significativi. Per di più una buona parte sono vestiti fuori moda o provenienti da stock invenduti per anni” sostiene Edmonds.

Ma fino agli anni ’80, le industrie dell’abbigliamento dell’Africa orientale prosperarono producendo abbigliamento e scarpe per i mercati nazionali ed esteri.

Ma le politiche di liberalizzazione del commercio , guidate dalla Banca Mondiale e dal Fondo Monetario Internazionale, hanno aperto le economie africane a nuove importazioni a buon mercato, specialmente dai paesi asiatici. Le fabbriche locali hanno lottato per competere e nel tempo molte hanno chiuso.

Il divieto di vestiti usati è l’ultimo tentativo di rilanciare un settore in calo. Ma gli esperti e i leader del settore dicono che la politica da sola non è sufficiente per far crescere le attività domestiche e aumentare la domanda locale.

“Il problema più grande è che non abbiamo la capacità di acquisto”, afferma Ritesh Patel, direttore finanziario di Utexrwal’unica grande azienda produttrice di tessuti del Ruanda . “Le persone non hanno abbastanza soldi per acquistare le nuove cose”.

Senza nemmeno controllare l’afflusso di nuovi vestiti da paesi come la Cina, afferma Patel, non vi è alcun incentivo a comprare tessuti o abbigliamento locali. E mentre i vestiti stranieri sono ancora costosi, sono decisamente meno di quelli “Made in Rwanda”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus