Me
Cosa stiamo seguendo | 26 febbraio 2018
Condividi su:
notizie mondo
Cosa stiamo seguendo nel mondo. Illustrazione di Paolo Natale

Cosa stiamo seguendo | 26 febbraio 2018

26 Feb. 2018
notizie mondo
Cosa stiamo seguendo nel mondo. Illustrazione di Paolo Natale

BERLINO (Germania) – Angela Merkel riunisce il suo partito per approvare il progetto di coalizione con i socialdemocratici.

GHUTA (Siria) – Violata la tregua umanitaria precedentemente stabilita dalla risoluzione del Consiglio di Sicurezza Onu

BARCELLONA (Spagna) – World Mobile Congress (MWC), la più grande fiera del suo genere nel mondo 08H00

BRUXELLES (Belgio) – I ministri degli esteri dell’UE discutono sul processo di pace in Medio Oriente, il Venezuela e i loro legami con la Moldavia.

GINEVRA  (Svizzera) – Apertura della 37ª sessione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, con il Segretario generale delle Nazioni Unite e l’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani 08H00

COVENTRY (Regno Unito) – Discorso del leader del partito laburista Jeremy Corbyn sulla visione del suo partito rispetto alla Brexit 10H00

ISTANBUL (Turchia) – Primo volo dal nuovo aeroporto di Istanbul, che aprirà nel mese di ottobre con l’obiettivo di diventare uno dei più grandi del mondo.

BELGRADO (Serbia) – Visita del presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker in Serbia. Conferenza stampa con il presidente serbo Aleksander Vukic 17:15

NEW YORK (Stati Uniti) – 25 ° anniversario del World Trade Center Attack del 1993.

TUNISI (Tunisia) – Il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy in visita in Tunisia.

KINSHASA (Repubblica Democratica del Congo) – Congresso del partito di opposizione UDPS per nominare il suo candidato alla presidenza. Favorito: Felix Tshisekedi, figlio dello storico leader dell’opposizione Etienne Tshisekedi, morto a Bruxelles nel febbraio 2017

CITTÀ DEL MESSICO (Messico) – Sindaci, CEO, leader delle ONG: Conferenza Women4Climate con donne leader che si impegneranno nel cambiamento climatico 14H45

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus