Me

Berlinale al femminile, nove premi su quindici sono stati assegnati alle donne

Il 25 febbraio 2018 si sono concluse con le premiazioni le 11 giornate dedicate al Festival internazionale del cinema di Berlino

Immagine di copertina

Il Festival internazionale del cinema di Berlino, meglio conosciuto come Berlinale, si svolge nella capitale della Germania ogni anno nel mese di febbraio.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La 68esima edizione ha avuto inizio il 15 febbraio e si è conclusa il 25 febbraio 2018, con la consegna dei premi: le statuette raffiguranti gli orsi d’oro o d’argento.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Anche per il festival del cinema tedesco, continua la “rivincita” delle donne, iniziata con i segnali lanciati durante le cerimonie di consegna dei Golden Globe e dei premi Bafta.

Leggi anche: La battaglia contro la violenza sulle donne delle attrici di Hollywood ai Golden Globe

Leggi anche: Perché Kate Middleton era l’unica donna a non indossare un abito nero ai Bafta

I premi assegnati, infatti, sono andati per la maggior parte ad attrici e registe, a partire da quello principale, l’Orso d’oro per il miglior film, consegnato alla rumena Adina Pintilie con Touch Me Not.

Su 15 premi, infatti, 9 se li sono aggiudicati le donne.

Adina Pintilie (miglior film e migliore opera prima), Małgorzata Szumowska (Grand Premio della Giuria), Ana Brun (migliore attrice), Elena Okopnaya (migliori costumi), Ruth Beckermann (miglior documentario), Ines Moldavsk (miglior cortometraggio), Reka Bucsi (Audi short film award) e Tilda Cobham-Hervey (miglior cortometraggio nella sezione Generation) sono state le donne celebrate durante la cerimonia di premiazione della Berlinale.

In nessuna della 67 edizioni precedenti si era mai registrata una così alta percentuale di vincitrici donne.

Tutti i vincitori degli orsi della Berlinale

Orso d’oro per il miglior film

Touch Me Not, di Adina Pintilie

Orso d’argento – Gran Premio della Giuria

Twarz (Mug), di Małgorzata Szumowska

Orso d’argento – Premio Alfred Bauer per un lungometraggio che apre nuove prospettive

Las herederas (The Heiresses), di Marcelo Martinessi

Orso d’argento per il miglior regista

Wes Anderson, per L’isola dei cani – Isle of Dogs (Isle of Dogs — Ataris Reise)

Orso d’argento per la migliore attrice

Ana Brun, in Las herederas (The Heiresses) di Marcelo Martinessi

Orso d’argento per il migliore attore

Anthony Bajon, in La prière (The Prayer) di Cédric Kahn

Orso d’argento per la migliore sceneggiatura

Manuel Alcalá e Alonso Ruizpalacios, per Museo (Museum), di Alonso Ruizpalacios

Orso d’argento per il migliore contributo artistico

Elena Okopnaya per i costumi di Dovlatov, di Alexey German Jr.

GWFF – Miglior opera prima

Touch Me Not, di Adina Pintilie

Glashütte original – Premio al miglior documentario

Waldheims Walzer (The Waldheim Waltz), di Ruth Beckermann

Orso d’oro per il miglior cortometraggio

The Men Behind the Wall, di Ines Moldavsk

Orso d’argento – Premio della Giuria per il cortometraggio

Imfura, di Samuel Ishimwe

Audi short film award

Solar Walk, di Reka Bucsi

Orso di cristallo per il miglior film della sezione Generation

Les rois mongols (Cross My Heart), di Luc Picard

Orso di cristallo per il miglior cortometraggio della sezione Generation

A Field Guide to Being a 12-Year-Old Girl (Handbuch einer 12-Jährigen), di Tilda Cobham-Hervey

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus