Me
Cosa stiamo seguendo | 22 febbraio 2018
Condividi su:
notizie mondo
Cosa stiamo seguendo nel mondo. Illustrazione di Paolo Natale

Cosa stiamo seguendo | 22 febbraio 2018

22 Feb. 2018
notizie mondo
Cosa stiamo seguendo nel mondo. Illustrazione di Paolo Natale

LONDRA (Regno Unito) – La ONG Amnesty International pubblica il suo rapporto annuale 05H00

LIPSIA (Germania) – Il Tribunale amministrativo federale potrebbe costringere diversi comuni tedeschi a vietare i diesel più inquinanti nei loro centri urbani 10H00

BERLINO (Germania) – Dichiarazione di Angela Merkel alla Camera dei deputati in vista del prossimo vertice UE per discutere i problemi finanziari posti dalla Brexit 08H00

BERLINO (Germania) – Conferenza stampa dei ministri degli Esteri tedesco e svizzero, in seguito a una fase di tensione sul presunto spionaggio della Svizzera contro l’amministrazione tributaria tedesca 12.30 pm

LONDRA (Regno Unito) – Audizione processuale dopo l’arresto dell’uomo d’affari francese Alexandre Djouhri a Londra in base a un mandato di cattura europeo 10H00

UNION (Stati Uniti) – David Schneider, ex allenatore di ginnastica, viene accusato di violenza sessuale sui minori di 15 anni

NATIONAL HARBOR (Stati Uniti) – Marion Marechal Le Pen, nipote del capo dell’estrema destra francese Marine Le Pen, interviene alla Conferenza di azione politica conservativa (CPAC), un evento annuale che riunisce i conservatori americani 16H30

TUNISI (Tunisia) – Ultimo giorno per la presentazione delle candidature per le prime elezioni municipali svoltesi in Tunisia dalla rivoluzione del 2011

IL CAIRO (Egitto) – Un tribunale deve confermare o meno la pena di morte comminata a dicembre 2017 per 21 persone accusate di appartenere ad una “cellula terroristica” islamista

ABUJA (Nigeria) – Ritrovate 76 studentesse e recuperati i corpi di altri due ragazze che erano scomparse in seguito a un attacco avvenuto negli scorsi giorni in una scuola dello stato federale di Yobe compiuto dal gruppo terroristico Boko Haram

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus