Me
Anche le attrici britanniche firmano una lettera contro gli abusi nel mondo dello spettacolo
Condividi su:
Emma Watson. Credit: Getty Images

Anche le attrici britanniche firmano una lettera contro gli abusi nel mondo dello spettacolo

Dopo i Golden Globe, anche le attrici britanniche hanno deciso di lanciare un messaggio all'industria cinematografica

19 Feb. 2018
Emma Watson. Credit: Getty Images

Durante la serata di domenica 18 febbraio 2018 si è svolta la cerimonia di premiazioni dei Bafta, i premi del cinema britannico, che si posizionano tra i Golden Globe e gli Oscar.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Poche ore prima dell’inizio della serata, The Observer ha pubblicato una lettera aperta, firmata da 190 donne, alcune attrici, altre attiviste.

All’interno della lettera, le donne unite dichiarano di voler determinare un cambiamento radicale e perenne all’interno dell’industria cinematografica e di tutti gli ambienti in cui gli abusi sono la normalità.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

E per farlo, le principali attrici del Regno Unito si sono presentate all’evento vestite di nero, come era già stato fatto ai Golden Globe, per lanciare un chiaro messaggio: ora le donne sono unite, e non hanno più paura.

foto

Angelina Jolie e Loung Ung ai premi Bafta 2018. Credit: Afp

foto

Margot Robbie ai premi Bafta 2018. Credit: Afp

Oltre al vestiario, molte delle attrici che hanno contribuito alla creazione della lettera, hanno lasciato a casa i propri partner per sfilare sul tappeto rosso al fianco delle più impegnate attiviste del paese.

Leggi anche: Cosa hanno scritto le attrici italiane nella lettera sulle molestie nel mondo dello spettacolo

La lettera contro gli abusi pubblicata dalle attrici del Regno Unito

“Care sorelle,

Poco più di un mese fa è stato lanciato Time’s Up. Potreste aver letto una lettera pubblica sul New York Times. Potreste aver notato donne vestite di nero sul tappeto rosso. Potreste aver visto le donne farsi avanti per condividere le loro storie di molestie. Forse vi siete identificate con alcune delle storie condivise da queste donne

Forse vi siete ritrovate ad annuire ricordando momenti simili nella tua vita.

In tutto il mondo, le donne si organizzano, resistono e parlano – da Ni Nunca Más in America Latina e #lifeinleggings nei Caraibi, al movimento Balance Ton Porc in Francia e e l’hashtag #EverydaySexism nel Regno Unito. Potreste aver visto # MeToo. Potreste aver detto: “Anche io”.

Nell’autunno dell’anno scorso, quando sulla stampa sono uscite delle storie su molestie sessuali, discriminazioni e abusi nell’industria dell’intrattenimento, 700mila contadine ci hanno scritto per dirci che erano solidali con noi.

La loro lettera spiegava che sapevano cosa stavamo attraversando, che si trovavano fianco a fianco con noi nel nostro dolore e nella nostra convinzione che un mondo migliore fosse possibile.

Questa solidarietà tra donne – attiviste e sopravvissute – in tutti i settori è ciò che ha ispirato Time’s Up e ciò che continua a entusiasmarci. Questo movimento è più grande di un semplice cambiamento nel nostro settore.

Questo movimento è intersettoriale, e propone discussioni su razza, classe, comunità, abilità e ambiente di lavoro, per parlare dello squilibrio del potere.

Qui nel Regno Unito, questo movimento è in un momento critico. Il divario retributivo di genere per le donne sui 20 anni è ora cinque volte maggiore rispetto a sei anni fa.

La ricerca nel Regno Unito ha rilevato che più della metà delle donne ha dichiarato di aver subito molestie sessuali sul lavoro.

Un crescente affidamento sulle forze di lavoro indipendenti crea relazioni di potere che favoriscono molestie e abusi. Le persone impegnate in lavori con contratti incerti sono particolarmente vulnerabili allo sfruttamento.

Mentre sappiamo che le donne sono colpite in modo sproporzionato da questo abuso, sappiamo anche che ci sono uomini nel nostro settore e altri che sono stati sottoposti a molestie e abusi come parte di questo sistema di potere patriarcale. E anche loro sono stati messi a tacere.

Quindi, qual è il ruolo della nostra industria nel promuovere una visione di una società equa? Crediamo che sia enorme. Crediamo che dobbiamo usare il nostro potere come comunicatori e connettori per cambiare il modo in cui la società ci vede e ci tratta. Dobbiamo esaminare il tipo di femminilità che il nostro settore promuove e vende al mondo.

Non c’è dubbio che Time’s Up dovrebbe essere e sarà un movimento globale. Un movimento definito e guidato da coloro che sono interessati al problema, non a chi è al potere.

Nel momento in cui ci cominceranno i Bafta, un momento dedicato alle celebrazioni e ai riconoscimenti del nostro settore, ci auguriamo di poter celebrare questo straordinario momento di solidarietà e unità attraverso i confini riunendoci e rendendo questo movimento internazionale.

Forse Time’s Up sembra lontano un milione di miglia da te – e creato da un gruppo di donne privilegiate. La verità è che siamo tutte lavoratrici e che, indipendentemente dal fatto che siamo sotto i riflettori o nell’ombra, le nostre voci sono importanti. Con il nostro potere collettivo, possiamo influenzare gli altri.

Nel passato molto vicino vivevamo in un mondo in cui le molestie sessuali erano uno scherzo scomodo; una parte inevitabile, imbarazzante, di essere una ragazza o una donna.

Di certo non doveva essere discusso, tanto meno affrontato. Nel 2018, sembra che ci siamo svegliati in un mondo maturo per il cambiamento. Se abbracciamo veramente questo momento, una linea nella sabbia diventerà pietra.

Questo movimento incredibile ha già ottenuto 21 milioni di dollari per un fondo di difesa legale americano. Ma le donne di tutto il mondo hanno bisogno di sostegno e finanziamenti per essere in grado di combattere l’ingiustizia. La rivoluzione che vogliamo e di cui abbiamo bisogno non può avvenire senza questa risorsa.

Quindi, vi invitiamo a unirvi a noi nel fare donazioni al nuovo fondo per la giustizia e l’uguaglianza nel Regno Unito, per diffondere la parola agli altri e fungere da catalizzatore per il cambiamento. Ognuna di voi può fare la differenza usando la propria piattaforma, la propria voce e il proprio potere come uno strumento del cambiamento.

Infine, stiamo parlando l’un l’altra, parlando con i nostri datori di lavoro, i nostri sindacati, i nostri alleati maschili e sfidando i nostri aguzzini e i loro collaboratori. Dove c’era isolamento e silenzio nell’industria cinematografica, ora c’è connessione e voce.

Dove c’era l’interiorizzazione e l’auto-colpa, ora c’è l’autoanalisi e l’interrogatorio. Ci stiamo connettendo e collaborando con i nostri compagni di lavoro, donne e uomini, in un modo davvero rivoluzionario. Tale unità è stata fonte d’ispirazione per tutte noi. Vogliamo che voi ne facciate parte.

Se avete detto “tempo scaduto”, se le storie che avete letto sui giornali vi sono suonato familiari e vi hanno afflitto – unitevi a noi nel cambiare il quadrante. Rendiamo il 2018 l’anno in cui finiscono le molestie sessuali e gli abusi. Anche questo è il tuo momento.

Abi Morgan, Ade Rawcliffe, Alice Eve, Alison Owen, Amanda Posey, Amber Rose Revah, Amma Asante, Amy Morgan, Andrea Gibb, Andrea Riseborough, Anna Duffield, Anne Morrison, Audrey Gagneux, Barbara Broccoli OBE, Beatie Edney, Brett Tyne, Bryony Hannah, Caitriona Balfe, Camille Gatin, Cara Horgan, Cara McKenzie, Carey Mulligan, Caroline Levy, Chanya Button, Charlotte Colbert, Charlotte Riley, Charlotte Ritchie, Ciara Barry, Claire Foy, Clémence Poésy, Coky Giedroyc, Denise Gough, Edith Bowman, Eleanor Tomlinson, Elhum Shakerifar, Eliza Burrows McGill, Elizabeth Georgiou, Elizabeth Karlsen, Elizabeth McGovern, Ella Purnell, Ella Smith, Emerald Fennell, Emilia Clarke, Emily Berrington, Emily Leo, Emma Pegram, Emma Thompson, Emma Watson, Eva Yates, Faye Marsay, Faye Ward, Felicity Jones, Finola Dwyer ONZM, Florence Pugh, Freema Agyeman, Gemma Arterton, Gemma Chan, Gilly Tompkins, Gugu Mbatha-Raw MBE, Gwendoline Christie, Hannah Arterton, Harriet Spencer, Dame Harriet Walter, Hayley Atwell, Hayley Squires, Hope Dickson Leach, Imogen Poots, Isabelle Sieb, Ivana MacKinnon, Ivana Primorac, Jackie Okwera, Jacquie Drewe, Jan Asante, Janette Davidson, Jany Temime, Jaya Campbell, Jenne Casarotto, Jessica Ashworth, Jessica Brown Findlay, Jessica Drake, Jessica Levick, Jessica Malik, Jessica Parker, Jessica Raine, Jessica Swale, Jessie Buckley, Jill McCullough, Jill Taylor, Joanna Natasegara, Jodie Whittaker, Joely Richardson, Jojo Moyes, Josie Rourke, Juliet Nicholson, Kate Hardie, Kate Herron, Kate Kinninmont MBE, Kate Muir, Kate Wilson, Kate Winslet, Katie Leung, Katie Sinclair, Katy McPhee, Keira Knightley, Kim Tserkezie, Kirstie Swain, Kitty Kaletsky, Laura Carmichael, Leanne Davis, Letitia Wright, Libby Durdy, Lily Cole, Lily James, Lindy King, Line Langebek, Liz Gill, Liza Marshall, Lorna Mann, Lucy Bevan, Lucy Fairney, Lydia Wilson, Lyndsey Pugh, Lynsey Muir, Mahalia Belo, Manon Ardisson, Massy Tadjedin, Mia Bays and the board of Bird’s Eye View, Miranda Hart, Nadya Jary, Nana Hughes, Naomi Donne, Naomie Harris, Natasha Dack, Nathalie Emmanuel, Nicky Bentham, Nicola Pearcey, Nicola Walker, Nina Gold, Nira Park, Noma Dumezweni, Noomi Rapace, Olivia Colman, Olivia Poulet, Olivia Williams, Ophelia Lovibond, Pandora Colin, Pearl Mackie, Phoebe Billington, Phoebe Fox, Pippa Beng, Dame Pippa Harris, Polly Kemp, Poppy Delevingne, Rachel Tunnard, Rebecca Hall, Rebecca O’Brien, Rebekah Staton, Rebekah Wray-Rogers, Rebel Wilson, Rosalind Johnson, Rosamund Pike, Rosie Crerar, Rowan Woods, Ruth Greenberg, Ruth Wilson, Saffron Burrows, Sally El Hosaini, Sally Long-Innes, Samantha Barks, Samantha Morton, Saoirse Ronan, Sara Smith, Sarah Brocklehurst, Sarah Gavron, Sarah Jane Wright, Sarah Solemani, Sarah Stephenson, Sheila Atim, Sienna Miller, Sofe Goodwin, Sophie Okonedo OBE, Suzanne Bertish, Sylvia Parker, Tallulah Fairfax, Tamsin Greig, Thandie Newton, Tess Morris, Tessa Ross, Tessa Thompson, Thea Paulett, Thea Sharrock, Tilly Coulson, Tina Gharavi, Tori Parry, Tracey Seaward, Tuppence Middleton, Vanessa Jones, Vanessa Kirby, Vicky Jewson, Vicky McClure, Wendy Wats, Yero Timi-Biu, Zawe Ashton”

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus