Me
È l’anno del cane: tutto quello che c’è da sapere sul Capodanno cinese
Condividi su:
foto mondo
Due cani indossano il tradizionale costume festivo orientale per l'avvicinarsi dell'Anno lunare cinese del cane nell'antica città di Kaili, nella provincia del Guizhou, nel sud-ovest della Cina. Credit: Wu Jibin / XINHUA

È l’anno del cane: tutto quello che c’è da sapere sul Capodanno cinese

Il Capodanno cinese, noto anche come Festa di Primavera o Capodanno lunare, è la festa più importante della tradizione cinese, il 2018 è l'anno del Cane

17 Feb. 2018
foto mondo
Due cani indossano il tradizionale costume festivo orientale per l'avvicinarsi dell'Anno lunare cinese del cane nell'antica città di Kaili, nella provincia del Guizhou, nel sud-ovest della Cina. Credit: Wu Jibin / XINHUA

Venerdì 16 febbraio in Cina si è festeggiato il Capodanno lunare, il passaggio dall’anno del Gallo a quello del Cane del 2018.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Detto anche “Festa di Primavera”, in questo giorno e nei successivi quindici, si celebra l’inizio del nuovo anno secondo il calendario cinese.

La data in cui cade il capodanno cinese cambia ogni anno perché segue il calendario lunisolare, a differenza del nostro gregoriano.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Quindici giorni di festeggiamenti per fare spazio alla fortuna dell’anno nuovo: petardi, sfilate, cartelli e insegne luminose rosse di buon auspicio.

Per il popolo cinese questa festività è considerata molto importante, alla stregua del Natale occidentale, e le famiglie si riuniscono e si scambiano doni per l’occasione.

Sono milioni i cinesi che viaggiano per ricongiungersi con i loro familiari: nel Capodanno del 2017 sono stati registrati circa tre miliardi di viaggi verso la madrepatria.

E le celebrazioni non si tengono soltanto in Cina, ma anche in Corea, Vietnam, Nepal, Giappone, Mongolia, Malesia, Singapore e Bhutan. Oltre a tutti i paesi del mondo che ospitano una consistente comunità cinese.

Cosa dice la leggenda

Un’antica leggenda racconta come sia nata l’abitudine di scoppiare numerosi petardi per festeggiare e perché ricorra il colore rosso negli abiti, negli addobbi e in ogni oggetto che viene donato in questo giorno.

C’era una volta un terribile mostro chiamato Nian che, prima dell’arrivo della primavera, usciva dalla sua tana per cacciare le prede: bambini e bestiame.

Per spaventarlo, gli abitanti dei villaggi lasciavano appese fuori dalle abitazioni dei drappi rossi che riuscivano ad allontanarlo. Da qui il significato del colore rosso ricorrente in questi giorni di festa.

Anche i petardi hanno un significato preciso: i cinesi hanno iniziato a scoppiare fuochi alla vigilia del nuovo anno perché credono che l’illuminazione di petardi e fuochi d’artificio serva per spaventare e cacciare gli spiriti maligni dell’anno passato.

Nian, il nome del mostro nella leggenda, è la parola che i cinesi usano per “anno” (年). Il colore rosso è stato associato alla fortuna e serve a cacciare la malasorte, motivo per cui, oltre a utilizzare decorazioni di quella tonalità, i celebranti hanno iniziato a indossare vestiti rossi.

Cosa si mangia

Ci sono molti piatti tradizionali che le famiglie servono al pasto del Capodanno per garantire un anno di buon auspicio: il pesce intero (la parola cinese per pesce, “Yu” o 魚, è un omonimo e significa anche abbondanza); le tagliatelle di riso (che simboleggiano una lunga vita); gli gnocchi (che rappresentano la ricchezza dalla forma che ricorda i lingotti); pollo intero (che simboleggia la riunione);  e una torta appiccicosa di Capodanno chiamata Nian Gao (年糕, che significa fare meglio di anno in anno).

Tradizioni

Le famiglie che si riuniscono, pregano e fanno una pulizia rituale della casa per eliminare lo sporco dei dodici mesi precedenti e per lasciare spazio alla buona sorte che il nuovo anno porta con sé.

Anno del cane

Il 2018 è l’anno del cane. Lo zodiaco cinese è composto da 12 animali: Ratto, Bue, Tigre, Coniglio, Drago, Serpente, Cavallo, Pecora, Scimmia, Gallo, Cane e Maiale.

Perché questa dozzina? Sempre secondo leggenda, si narra che l’Imperatore di Giada abbia deciso di organizzare una gara per scegliere le creature che avrebbero creato un nuovo calendario e loro sono i vincitori.

Non c’è il gatto perché, come dice la leggenda, il Topo deliberatamente non ha svegliato Gatto il giorno della gara in modo che il topo potesse vincere.

Le persone nate negli anni 1934, 1946, 1958, 1970, 1982, 1994, 2006 e 2018 sono del segno del Cane.

I nati in questo anno si dice siano persone leali, responsabili, oneste e coraggiose.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus