Me

Ecco come la gelosia può essere positiva per noi stessi

Difficilmente ammettiamo di provare questo sentimento ma in realtà può essere in grado di rivelarci qualcosa di profondo e positivo che si trova dentro di noi

Immagine di copertina

La gelosia è sconcertante, misteriosa e pervasiva, difficilmente ammettiamo di provare questo sentimento.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

“Sappiamo che i bambini soffrono di gelosia. Sappiamo che ne soffrono i primati. Sappiamo che la gelosia è la prima causa di omicidi coniugali negli Stati Uniti”.

Ci rende vulnerabili e a volte ci fa sentire in colpa perché crediamo di essere gli unici, i soli a provare questa sensazione. A quel punto invidiamo persino chi ci sembra esserne immune, vorremmo riuscire a essere più corretti verso l’altro e più giusti. E ci sforziamo di cacciare questo sentimento cattivo.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Ma chi non è mai stato colpito da questa sensazione almeno una volta nella vita?

Tanti probabilmente non sono disposti ad ammetterlo. La gelosia fa paura, è un emozione in grado di farci perdere il controllo, provoca stress e ci rende la vita complicata. La gelosia è estenuante.

È una sensazione sottile, insidiosa: rivela una profonda insicurezza. La percezione di non sentirsi all’altezza, di non sentirsi sicuri, di non sentirsi abbastanza. Di vedere l’erba del vicino sempre più verde, gli altri sempre più bravi e belli di noi. Migliori.

Ma allora cos’è la gelosia? Che cosa la scatena, e perché segretamente ci piace? Parul Sehgal, critica letteraria del New York Times, lo ha chiesto al pubblico durante la sua Ted conference.

E domandosi perché nessuna ricerca sia mai stata in grado di catturare la “solitudine, longevità e triste sensazione” della gelosia, dice che è possibile trovare una risposta nella letteratura.

Senza la gelosia non avremmo “nessuna Elena infedele, nessuna “Odissea”. Nessun re geloso, nessuna “Mille e Una Notte”. Niente Shakespeare. Sparisce l’elenco di letture del liceo, perché perdiamo “L’Urlo e il Furore”, perdiamo “Il Grande Gatsby”, “Fiesta”, perdiamo “Madame Bovary”, “Anna Karenina”. Niente gelosia, niente Proust.” dice Parul Sehgal.

Rovistando tra le pagine della letteratura Sehgal vuole mostrare come in realtà la gelosia non sia diversa dalla ricerca della conoscenza.

Quando siamo gelosi, ci raccontiamo una storia. Ci raccontiamo una storia sulla vita di altre persone, e queste storie ci fanno sentire malissimo perché sono fatte apposta per farci sentire malissimo.

In quanto narratori e pubblico, sappiamo quali dettagli includere, per affondare il coltello. La gelosia ci rende tutti romanzieri dilettanti, ed è una cosa che i grandi scrittori del passato hanno capito.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop