Me

La pornostar Stormy Daniels è libera di parlare dopo le ammissioni dell’avvocato di Trump

Il legale del presidente degli Stati Uniti, Michael Cohen, ha confermato in una dichiarazione di aver elargito all'attrice una somma pari a 130mila dollari nel 2016

Immagine di copertina
Jim Lo Scalzo / Epa / Pool / Anadolu Agency

Gina Rodriguez, manager di Stormy Daniels, ha dichiarato che la sua assistita non è più vincolata ad un contratto di riservatezza dopo che l’avvocato di Donald Trump ha ammesso di averla pagata.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

L’avvocato personale del presidente degli Stati Uniti, Michael Cohen, ha confermato in una dichiarazione di aver elargito alla pornostar una somma pari a 130mila dollari nel 2016.

Gina Rodriguez afferma che questa ammissione consente al suo cliente di parlare liberamente della vicenda.

“Ora tutto è chiuso e Stormy sta per raccontare la sua storia”, ha detto la manager all’Associated Press.

“Né l’organizzazione Trump né la campagna Trump erano parte della transazione con la sig.ra Clifford (vero nome di Stormy Daniels, ndr), né mi hanno rimborsato il pagamento, né direttamente né indirettamente”, ha detto Cohen al New York Times.

L’avvocato ha aggiunto di aver raccontato l’accaduto anche alla Commissione elettorale federale, dopo che un gruppo di sorveglianza ha presentato una denuncia per fare chiarezza sul pagamento, ipotizzando che si trattava di un contributo politico “in natura” alla campagna elettorale di Trump.

“Il pagamento alla signora Clifford era legale, e non era un contributo alla campagna o una spesa per la campagna da parte di nessuno”, ha detto Cohen.

In precedenza l’avvocato aveva affermato che Trump “nega con veemenza” che il fatto sia mai accaduto.

Le rivelazioni del 14 febbraio seguono i resoconti dei media statunitensi secondo cui l’attrice è stata pagata per firmare un accordo che le impediva di rilasciare dichiarazioni sulla vicenda.

Stormy Daniels, in un’intervista rilasciata alla rivista InTouch nel 2011, aveva detto per la prima volta di avere avuto una relazione con Trump nel 2006, poco dopo che la moglie aveva dato alla luce suo figlio Barron.

A gennaio 2018 il Wall Street Journal aveva riferito che l’attrice è stata pagata per firmare un accordo di riservatezza in vista delle elezioni del 2016, il che le ha impedito di parlare della presunta relazione.

Si dice che Stormy Daniels stia contrattando con i media statunitensi un’apparizione televisiva per discutere del rapporto avuto con Trump.

Rispondendo alle domande della Cnn sul motivo per cui è stato effettuato il pagamento, l’avvocato Cohen ha dichiarato: “Solo perché qualcosa non è vero non significa che non possa causare danni”.

“Proteggerò sempre il signor Trump”, ha aggiunto Cohen.

Leggi anche: Trump pagò 130mila dollari per mettere a tacere una ex pornostar dopo un rapporto sessuale