Me
L’ottantenne spagnolo che ha deciso di partire per l’Erasmus
Condividi su:
erasmus

L’ottantenne spagnolo che ha deciso di partire per l’Erasmus

Miguel Castillo ha tre figli, sei nipoti e un bypass quadruplo. Studia Storia all'Università di Valencia, dove si è iscritto dopo essere sopravvissuto a un attacco di cuore. Ora ha deciso che partirà per l'Erasmus. Destinazione: Verona

15 Mar. 2018
erasmus

Miguel Castillo ha tre figli e sei nipoti, ed è uno studente di Storia dell’Università di Valencia, in Spagna. Quest’anno ha deciso di tuffarsi in una nuova avventura, e partire con il programma Erasmus +, che ogni anno permette a migliaia di studenti di trascorrere un periodo di tempo in un’università estera.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La particolarità di Miguel è che ha 80 anni. Nonostante il bypass quadruplo a cui si è sottoposto in seguito a un attacco di cuore, partirà il prossimo anno alla volta di Verona, dove proseguirà i suoi studi.

Dopo l’operazione, Miguel ha deciso di fare qualcosa “che non fosse tipico di un pensionato”, e si è quindi iscritto all’università, dove la sua età non sembra costituire un problema.

Quando un professore l’ha incoraggiato a partecipare al bando Erasmus, non se l’è fatto ripetere due volte. Come meta ha scelto Verona per via di un dolce ricordo di 42 anni fa, quando visitò la romantica città con la moglie per assistere ad un concerto di Maria Callas.

“Ai miei coetanei suggerisco di non starsene a casa, e invece aprirsi al mondo, perché possiamo ancora dare molto alla società, e ricevere molto in cambio” ha dichiarato l’energico studente.

Anche la pagina Twitter del programma Erasmus+ ha elogiato la scelta di Miguel Castillo, “che ad 80 anni prova che non è mai troppo tardi per andare in Erasmus”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus