Me
Il video che riassume la storia dell’arte in un minuto
Condividi su:
storia dell'arte in un minuto
Un fotogramma dal video One Minute Art History. Credit: Cao Shu

Il video che riassume la storia dell’arte in un minuto

One Minute Art History è il video realizzato da un professore d'arte cinese che ha voluto rappresentare in un solo minuto tutte le principali tendenze artistiche nella storia del mondo

13 Feb. 2018
storia dell'arte in un minuto
Un fotogramma dal video One Minute Art History. Credit: Cao Shu

Cao Shu è un insegnante cinese presso l’Academy of Art della Cina che vive e lavora ad Hangzhou, e attualmente si occupa della creazione di video e cortometraggi.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

One Minute Art History è uno dei lavori che Shu ha presentato nel 2015 e che racchiude in pochi secondi la storia dell’arte nel mondo.

Il lavoro è un affascinante montaggio in cui secoli di tendenze artistiche sono confezionati in un unico minuto di video: si parte dall’antico Egitto per arrivare fino ai giorni nostri.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Ogni immagine del breve video è una fugace visione del passato, o almeno del passato visto attraverso l’arte.

Nel video il personaggio centrale fa insignificanti movimenti quotidiani come controllare l’ora o bere qualcosa, e ogni fotogramma è reso in un diverso stile artistico, legato a una determinata epoca.

Il lavoro di Shu prende avvio nell’arte dell’antico Egitto e progredisce attraverso i dipinti a inchiostro cinesi, le stampe giapponesi realizzate con i blocchi di legno e la tradizione dell’arte medievale del Giappone, il Rinascimento italiano, il Surrealismo, il Cubismo e la Pop Art, fino ad arrivare a ritratti in stile Modigliani e Basquiat.

All’interno del suo video, Shu rende una vasta gamma di stili artistici modo evocativo senza sovraccaricare lo spettatore.

Ecco il video:

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus